Leonardo Cenci è morto, Avanti Tutta: "Il suo messaggio non andrà disperso"

Adjust Comment Print

Così lo staff dell'associazione Avanti tutta su Facebook: "Il nostro Leo è volato in cielo, tra gli angeli. La sua missione sulla terra è terminata", è quanto Avanti Tutta ha scritto su Facebook per dare la notizie della morte di Cenci. Leonardo Cenci, il guerriero indomabile si è spento all'ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia poco dopo le 10.

Leonardo Cenci, 46 anni, di Perugia, ex dipendente dell'Agenzia delle Dogane di Bologna e Perugia, era da anni affetto da un cancro incurabile al polmone con metastasi alle ossa e al cervello.

Simbolo del coraggio nella lotta contro il cancro, fronteggiava la malattia da sei anni. Di questi sei anni che gli sono stati 'regalati' dalla malattia non ha sprecato neanche un giorno.

Nello sport ha sempre trovato uno strumento per vivere al massimo.

Asia Bibi, anche in appello confermata l'assoluzione
Una sentenza che ha scatenato sdegno in tutto il mondo: anche Papa Benedetto aveva chiesto la sua liberazione. La donna cristiana era condannata a morte nel 2010, poi assolta e rilasciata lo scorso ottobre .

I funerali si terranno domani, giovedì 31 gennaio, alle ore 15 nella chiesa cattedrale di Perugia. La Giunta comunale di Perugia ha deliberato per domani il lutto cittadino, verrà esposta la bandiera a mezz'asta e si chiede di abbassare le serrande dalle 14.30 alle 16.30. Intanto il Consiglio comunale gli ha dedicato un minuto di silenzio. "Con i sogni ai piedi e l'invincibilità nel suo cuore è riuscito a realizzare tanti dei suoi desideri e il resto saranno portati a compimento perché il patrimonio umano e materiale che lui ha creato non andrà disperso". La Onlus "Avanti tutta", nata proprio da un'idea di Leonardo "appassionato di sport, con la corsa nel cuore", raccoglie infatti i fondi per la lotta contro il cancro attraverso l'organizzazione di eventi sportivi e ricreativi. Corri Leo in cielo, corri felice e veglia su chi, come noi, ti ha voluto sempre bene. "Grazie Leo - ha concluso Porzi - per quello che hai fatto per noi, che continueremo a lavorare e ad onorare la tua grande storia e il tuo grande coraggio". Corri e ricordaci che dobbiamo sempre credere nei nostri sogni e nella forza dell'amore andando sempre #AvantiTutta. Leo era un atleta, aveva già al suo attivo diverse maratone, ma da qualche settimana si sentiva più affaticato. Ma anche i suoi amici dell'associazione "Avanti tutta!", a partire da Mauro Casciari.

E a novembre 2017 ha realizzato il suo sogno, correre la maratona di New York, battendo il record personale: 4 ore e 6 minuti.

I chilometri insieme Il mio ricordo di Leonardo è di quelle mattine al Percorso Verde in cui, runner alle prime armi, me lo vedevo arrivare vicino.

Comments