Umbria, commento shock contro Emma Marrone: consigliere comunale espulso dalla Lega

Adjust Comment Print

La cantante, durante l'ultima sua esibizione in concerto a Bari aveva lanciato un messaggio su quanto ci sia bisogno di umanità e di "aprire i porti", in riferimento al dover accogliere i migranti che fuggono disperati dai loro Paesi di origine. La Lega si è poi dissociata dal commento e ha avviato le procedure per espellerlo dal partito. L'ha fatto consapevole che avrebbe agitato gli odiatori e che magari avrebbe lisciato i suoi fan buonisti eppure ha soprattutto posto un tema che non può permettersi di rimanere recintato nell'ambito squisitamente politico ma deve, è una questione di dignità, diventare una discussione generale, da fare nei bar, da combattere in ufficio, da ascoltare anche dalla propria cantante preferita.

"Faresti bene ad aprire le tue c... facendoti pagare per esempio" è il vergognoso post sessista pubblicato su Facebook un consigliere comunale della Lega ad Amelia, in provincia di Terni, su Emma Marrone.

Europee: proiezioni Pe, sovranisti avanzano
Sulla carta il gruppo è però a rischio, perché è sul filo per il numero di delegazioni nazionali (da 8 passa a 6). Sarebbe anche il secondo in Ue dopo i tedeschi della Csu/Cdu che ne avrebbero 29.

Massimiliano Galli ha però esagerato, anche tenendo conto del suo ruolo istituzionale, di qui la decisione dell'espulsione, così spiegata in un comunicato dalla Lega Umbra per bocca del segretario regionale Virginio Caparvi: "La Lega Umbria si dissocia dal commento sessista espresso dal consigliere comunale di Amelia".

Già nel 2017 Galli, allora assessore con deleghe legate a commercio, sport, artigianato e agricoltura, era stato protagonista di un'altra polemica. Sempre su Facebook il leghista aveva espresso un commento anti-islam. Le affermazioni del consigliere non solo sono inaccettabili, ma assolutamente distanti dallo spirito e dai valori espressi dalla Lega e dunque chiunque utilizzi questo linguaggio non può rappresentare il nostro movimento. "In Siria - aveva scritto - c'è in atto da più di 12 anni una guerra civile tra musulmer**, la differenza la fa il fatto di essere uno sciita o un sunnita. Secondo il mio pensiero si dovrebbero ammazzare tutti fino all'ultimo individuo siriano".

Comments