Inflazione, Istat: torna a salire a febbraio, +1,1%

Adjust Comment Print

I Beni alimentari, per la cura della casa e della persona, segnala l'Istat, passano da +0,6% a +2,1% e i prodotti ad alta frequenza d'acquisto da +0,8% a +1,7% (entrambi si portano al di sopra dell'inflazione generale). Secondo le stime preliminari dell'Istat, l'indice nazionale dei prezzi al consumo per l'intera collettività, al lordo dei tabacchi, registra un aumento dello 0,2% su base mensile e dell'1,1% su base annua (da +0,9% registrato nel mese precedente).

L'inflazione torna ad accelerare in modo marcato per i beni (da +0,7% a +1,5%), mentre rallenta per i servizi (da +1,1% a +0,7%). "In misura minore dai prezzi degli energetici non regolamentati come i carburanti (da +0,3% a +0,8%) e dei tabacchi (da +2,9 a +4,5%)".

L'inflazione acquisita per il 2019 è così del +0,3% per l'indice generale e del -0,2% per la componente di fondo. Un andamento che è stato in parte attenuato dal rallentamento dei prezzi dei servizi relativi ai trasporti (da +2,2% a +0,9%) e dall'ampliarsi della flessione di quelli dei servizi relativi alle comunicazioni (da -2,0% a -4,9%).

Valentina Dallari svela come si è ammalata di anoressia
Pensavo che se fossi dimagrita, più brandi mi avrebbero contattata, che sarei stata più giusta, più cool . Ricordo tutta la fatica di questo percorso, adesso bisogna accettarsi nel nuovo corpo e non è facile.

Inflazione in salita anche in Francia L'inflazione francese a febbraio ha subito una lieve accelerazione all'1,3% su base annua dall'1,2% del mese precedente.

Volano, a febbraio, i prezzi del carrello della spesa, superando di gran lunga quelli dell'intero paniere.

I dati provenienti dall'Istat confermano una ripresa dell'inflazioni, grazie alla spinta dei beni alimentari non lavorati, come spiegato dalla nota dell'istituto di statistica. Un dato non sicuramente confortante con la gente che si trova un aumentodei vegetali freschi del 18,5% rispetto all'anno precedente. Su base mensile, i prezzi al consumo sono rimasti stabili dopo essere diminuiti dello 0,4% a gennaio.

Comments