Lavoro: Istat, a gennaio +21.000 occupati, ma solo uomini. Male i giovani

Adjust Comment Print

La stima degli occupati è in lieve crescita rispetto a dicembre (+0,1%, pari a +21 mila unità); il tasso di occupazione rimane stabile al 58,7% . La flessione riguarda gli uomini e le persone tra i 15 e i 49 anni.

La stima delle persone in cerca di occupazione aumenta dello 0,6% (+15 mila). Lo rileva l'Istat. Su base mensile l'aumento riguarda soltanto gli uomini (+27 mila), mentre diminuiscono le donne (-6 mila) che hanno un impiego. A crescere è appunto il lavoro stabile con 56.000 dipendenti fissi in più, mentre si osserva un calo dei dipendenti a termine (-16.000) e degli autonomi (-19.000).

Nel mese di gennaio 2019, il tasso è risalito dal 10,3 precedente (rivisto oggi al 10,4%) e si è attestato al 10,5%, come si può osservare sul nostro Calendario Economico. Nel periodo da novembre 2018 a gennaio 2019 l'occupazione registra un lieve calo rispetto ai tre mesi precedenti (-0,1%, pari a -19 mila unità).

Napoli, Insigne: "Vincere con la Juve avrebbe un sapore speciale"
Il giocatore si è sottoposto nella serata di mercoledì a dei controlli medici che non hanno evidenziato alcun tipo di lesione. Siamo stati un po' sfortunati con Chievo, Torino e Fiorentina in cui siamo stati poco cattivi sotto porta.

In calo gli inattivi, 22mila in meno, ma anche in questo caso la diminuizione coinvolge solo gli uomini (-33 mila) e si concentra tra i 25-49enni (-48 mila). "Il tasso di inattività resta stabile al 34,3% per il terzo mese consecutivo", dice l'Istituto. Nel dettaglio, segnala l'Istat, gli occupati sono 21.000 in più rispetto a dicembre (+0,1%), per un tasso di occupazione stabile al 58,7%. "La crescita dei dipendenti permanenti si mantiene anche nel confronto trimestrale e annuo; su base tendenziale si registra la prima variazione positiva da ottobre 2017".

Nel trimestre novembre-gennaio l'occupazione è diminuita dello 0,1%, i disoccupati sono aumentati dell'1,3% e gli inattivi sono scesi dello 0,4%. Complessivamente su base annua l'occupazione è cresciuta a gennaio di 160 mila unità. In questo caso spicca il dato anagrafico: la crescita è "esclusivamente" tra gli ultracinquantenni (+250 mila).

Nei dodici mesi la crescita degli occupati si accompagna al calo dei disoccupati (-5% pari a -144mila unità) e degli inattivi tra i 15 e i 64 anni (-1% pari -129mila).

Comments