Salvini: "Sulla Tav ho fiducia in Conte, noi siamo per il sì"

Adjust Comment Print

La questione continua a spaccare il governo, con la Lega che sostiene fortemente l'opera e i 5 stelle che, invece, sono contrari: "Rispetto le posizioni della Lega e del M5s ma sarò garante che queste posizioni pregiudiziali non pesino sul tavolo". Governatori di Piemonte e Lombardia: pronti al referendum La Regione Piemonte è pronta ad una consultazione popolare sulla Tav, ha detto Sergio Chiamparino, presidente della Regione Piemonte, a "1/2h in più" su Rai3. "Posso garantire che prenderemo una decisione per tutelare l'interesse nazionale e di tutti i cittadini". Questo perché nei giorni scorsi è stata richiesta una seconda analisi costi-benefici da Toninelli, consegnata poi a Conte.

Il premier prova a definire la "exit strategy" per evitare che il governo gialloverde si impantani in un dibattito infinito.

"Per quanto riguarda la Tav, siamo in dirittura d'arrivo, nel percorso finale, quello politico".

La Roma chiama super Dzeko
Tutte le dichiarazioni del giallorosso Edin Dzeko in occasione di Lazio-Roma , derby della ventiseiesima giornata di Serie A .

Poche ore prima del vertice Stefano Buffagni, sottosegretario M5s aveva paventato la possibilità della fine dell'alleanza di governo, se fosse stato dato il via libera all'opera: "Io non mi occupo di trovare il compromesso".

"Mi sembra che la montagna abbia partorito un topolino, anzi un brodino visto che c'è un ulteriore allungamento del brodo". "Se non sono capaci si dimettano", ha aggiunto il neo segretario del Pd. "È l'arroganza di una maggioranza parlamentare che per gestire il potere non vuole ammettere di non essere portatrice di una visione del futuro dell'Italia, ci sta rendendo ridicoli e paghiamo un costo enorme come sistema Paese", annota il nuovo capo del Nazareno. "Detto questo credo che i bandi vadano fatti, altrimenti il rischio di perdere 300 milioni di euro è concreto".

"Sui bandi non puo' essere presa una decisione oggi o domani", ha spiegato ancora il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, al termine del vertice di governo sulla Tav. "Detto ciò se bisogna andare a casa perché noi non vogliamo buttare soldi per opere vecchie io non vedo il problema", le sue parole ad Agorà. "La scadenza è dietro l'angolo - aggiunge - e non capisco cosa ci sia ancora da approfondire".

Comments