Salvini attacca una manifestante di Milano. Majorino: "Un bulletto sfigato" | Notizie Milano

Adjust Comment Print

Il ministro dell'Interno ha pubblicato lo scatto e ha scritto, a didascalia della foto, "Che gentile signora". Gli direi che nel 2019 le idee di odio contro cui abbiamo manifestato sono destinate a morire. Tutta la mia solidarietà per lei. Sorte simile era toccata a novembre a una ragazzina minorenne: anche la sua foto era finita (senza essere oscurata) sulle pagine social del ministro.

E anche la giovane fotografata, la 22enne Giulia Pacilli, intervistata da Repubblica, ha parlato di "orrore": "E' incredibile che un rappresentante delle istituzioni che ha la responsabilità della sicurezza metta a rischio in questa maniera una donna".

Prendendo spunto da quanto accaduto sul profilo FB del vicepremier, Pierfrancesco Majorino si schiera in difesa dell'attivista milanese. Se lo aspettava che Salvini condividesse la foto? "Pubblica questa". Salvini - commenta l'assessore - fa sempre il bulletto con le ragazze e i ragazzi che lo criticano, esponendoli al fuoco di fila degli odiatori e senza che loro possano difendersi. L'ultimo caso è stato con Giulia, manifestante del 2 marzo.

San Siro sarà demolito: ecco il nuovo stadio di Inter e Milan
Secondo una recente ricerca San Siro è uno dei massimi simboli della città di Milano , al pari del Duomo e della Triennale. Ma il progetto di Milan e Inter è molto più ampio.

Alla manifestazione di Milano Giulia c'era e aveva con sè un nuovo cartello: "Meglio buonista e puttana che fascista e salviniana", che riassumeva quegli insulti che aveva ricevuto la prima volta.

"Giulia - raccontano i Sentinelli su Fb - era sul nostro carro sabato".

Proprio l'averle già provocato insulti in quella situazione avrebbe dovuto far desistere il vicepresidente del Consiglio dall'esporla nuovamente alla gogna, colpevole solamente di aver esercitato il proprio diritto d'espressione: così la pensa Luca Paladini, portavoce dei Sentinelli di Milano: "Questa mattina quello che di mestiere fa il Ministro degli Interni, che conosce bene cosa ha fatto passare a Giulia, decide di rimandare i suoi sicari in missione". Sono ripartiti insulti e minacce.

Comments