MotoGp in Qatar: Dovizioso al fotofinish su Marquez. Rossi rimonta, ottimo quinto

Adjust Comment Print

Prima del GP del Qatar ci sono quattro precedenti di scontri decisi al fotofinish tra Marc Marquez e Andrea Dovizioso. Insomma, al netto del passo in avanti a livello di motore fatto dalla Casa di Tokyo, anche quest'anno il forlivese è riuscito a fare una gara da incorniciare, gestita ed amministrata con lucidità ed esperienza. Noi abbiamo montato questo particolare che è stato previsto dal regolamento, o meglio da una circolare esplicativa inviata a tutti i costruttori i 2 marzo dal direttore tecnico del campionato che si chiama Danny Aldridge e l'abbiamo ovviamente realizzato in linea con i dettami di questa. Crutchlow a podio davanti a Rins.

Dovi ci ha tenuto a sottolineare il lavoro della sua squadra: "Riuscire a migliorare così tanto in un weekend di gara è difficile, ma il team ha fatto la differenza". Quarta la Suzuki di Alex Rins. Grande rimonta di Valentino Rossi, scattato dalla 14°esima posizione, chiude quinto. Tuttavia queste ultime si sono appellate contro questa decisione.

I due si rispettano e l'abbraccio a fine gara lo sottolinea, così non ci sono state scorrettezze nonostante gli ultimi 5 giri siano stati decisamente tirati.

Anche l'assessore Tusa tra i passeggeri del volo precipitato in Etiopia
La Sicilia piange un uomo straordinario, di grande cultura che amava infinitamente la sua terra. AGGIORNAMENTO n.2: il presidente della Regione Nello Musumeci ha rilasciato una dichiarazione.

Ma in fondo "siamo messi più o meno come lo scorso anno" anche se guardiamo dinamica ed esito del primo round della stagione. A sollevare il caso è stata prima di tutto la Aprilia, e non è una coincidenza: a Losail, infatti, ha fatto il suo debutto il nuovo amministratore delegato Massimo Rivola, uno che viene dalla Formula 1 e che dunque è abituato alla burocrazia delle carte bollate, molto di più dei vecchi volponi delle moto che questioni del genere le hanno sempre risolte in silenzio dietro le quinte. Quando il gioco si fa duro il Dovi comincia a giocare, ma in bacheca manca ancora il titolo MotoGP. Come biglietto da visita non per niente male, e questo vale sia per lui sia per il livello raggiunto dalla Suzuki a livello di competitività.

Nello specifico, si tratta di una specie di parafango posizionato sotto la ruota posteriore della moto, che inizialmente gli ingegneri Ducati avevano progettato per sopperire ad alcune problematiche in caso di pioggia ma che poi hanno deciso di portare in gara evidentemente per altri motivi.

Comments