Che cosa ha detto davvero Tajani su Mussolini

Adjust Comment Print

L'eurodeputato Gonzalez "Pons", ha sottolineato Verhofstadt, "ha perfettamente ragione quando dice che è stupido da tutte le parti suscitare questo dibattito" in aula sulle dichiarazioni di Tajani, "mischiandolo con la campagna elettorale che alcuni sembrano aver già iniziato". E non smentisco le sue affermazioni nei confronti del Mussolini ante guerra, uomo di riforme innegabili, ma quando, dopo essere stato criticato dai superstiti antifascisti, il soggetto, offeso e ferito nell'onore, si dichiara 'da sempre antifascista'. "Da un punto di vista di fatti concreti realizzati, non si può dire che non abbia realizzato nulla". Le cose buone "le hanno fatte la Resistenza, la lotta di liberazione e l'intervento degli alleati".

Tajani non fa che usare lo slogan che ogni nostalgico del fascismo, dalla fine della guerra ad oggi, ha ripetuto per provare a giustificare e normalizzare il fascismo. Sono sempre stato un antifascista convinto, non permetto a nessuno di dire nient'altro. Ho sempre ribadito che Mussolini e il fascismo sono stati la pagina più buia della storia del secolo passato, senza alcun distinguo. Tajani ha subito tentato di precisare: "Poi si può non condividere il suo metodo". Se bisogna essere onesti ha fatto strade, ponti, edifici, impianti sportivi, ha bonificato tante parti della nostra Italia. Come può un presidente del Parlamento europeo non riconoscere la natura del fascismo?

F1 - È morto il direttore gara Charlie Whiting
Lo ha reso noto la stessa federazione sul proprio sito internet, aggiungendo che Whiting lascia "un enorme vuoto nello sport". I miei pensieri e le mie preghiere sono con la sua famiglia -dice l'inglese della Mercedes-.

Così su Twitter il leader dei Socialisti e democratici (S&D) al Pe Udo Bullmann. "Abbiamo bisogno di chiarimenti rapidi". Le cose sbagliate sono gravissime, Matteotti, leggi razziali, guerra. Due ore dopo la lode a Mussolini, Tajani incontra Salvini e Meloni, gli italiani di estrema destra. "La dittatura, le leggi razziali e le vittime del fascismo sono il capitolo più oscuro della storia dei rapporti tra Italia e Unione europea".

Si è esposto anche il Partito democratico: "Dichiarazioni gravi", ha detto la capa delegazione Pd al Parlamento Ue Patrizia Toia, "e non possono essere considerate solo una gaffe per diverse ragioni". Tajani dovrebbe dimettersi, per rispetto dell'istituzione che rappresenta, della Costituzione italiana e della memoria dei partigiani e delle partigiane che hanno dato la vita per sconfiggere il fascismo.

Comments