Sassuolo, Locatelli: "Il Milan mi ha fatto piangere. Juve? Sarebbe fantastico"

Adjust Comment Print

Sul suo ultimo periodo al Milan - "Non so se è giusto dire che mi abbiano abbandonato, ma non sentivo più fiducia". Ho sofferto e pianto, sono sincero: è stata la mia vita per 10 anni. Ma sapevo che la scelta giusta era Sassuolo, che avrei sentito l'affetto giusto. Affetto da ripagare, visto quanto ha speso (14 milioni di euro bonus compresi per l'obbligo di riscatto, ndr). Due matti...". Dal super goal alla Juventus nel 2016 alle giocate di oggi al Mapei Stadium: "Sono maturato, quello è un ricordo bellissimo ma non voglio che Locatelli sia solo quel gol: "perché non voglio che, nonostante sia il momento più bello della mia carriera, resti unico". "Arriviamo alla fine della stagione al Milan - racconta il centrocampista, dal 2018 in forza al Sassuolo - io sarei dovuto passare in prima squadra e lui non sapeva nulla del proprio futuro".

Il classe '98, a La Gazzetta dello Sport, ha rilasciato alcune dichiarazioni sul suo passato, sul presente, sull'interesse della Juventus e ha raccontato un aneddoto che lo lega al suo migliore amico, Patrick Cutrone. "All'inizio ho sbagliato e ho fatto fatica, devo ringraziare De Zerbi".

Aereo caduto, un altro pilota urlò: "Non cadere! Non cadere!"
In Italia i problemi maggiori ce li avrà Air Italy , che ha a disposizione tre aerei di questo tipo. L'Etiopia aveva annunciato di volerli inviare in Europa perché non ha la tecnologia necessaria.

Prima del futuro in un altro grande club, però, per Manuel Locatelli c'è un Europeo Under 21 da giocare da protagonista in casa con la maglia dell'Italia e che potrebbe lanciarlo definitivamente: "Vincerlo sarà difficile, ma ci proviamo". Una roba strappalacrime... Poi? E questo vuole dire tanto.

Comments