I gilet gialli devastano gli Champs-Elysées: 64 arresti

Adjust Comment Print

"Circa 1500 violenti sono venuti per rompere, attaccare e distruggere e stamattina presto lo hanno fatto assaltando l'Arco di Trionfo" ha dichiarato il ministro francese Christophe Castaner.

Il 18esimo sabato di protesta è infuocato: 11 persone ferite, oltre 150 fermate dagli agenti, un intero palazzo in fiamme.

Le manifestazioni per il clima di venerdì danno nuovo vigore anche ai Gilet gialli.

Via della Seta: Di Maio, non è alleanza, accordo nel governo
Continuano le polemiche all'interno del Movimento 5 Stelle per il nuovo corso intrapreso dal partito di Casaleggio. Insomma, Di Maio , cos'è la destra? Io penso che il M5s debba continuare a chiedere di rivisitare il progetto.

Situazione complicata per l'ordine pubblico a Parigi, mentre i primi scontri si registrano già al mattino fra black bloc in testa a un corteo di gilet gialli e polizia, che ha risposto con gli idranti per disperdere un assembramento. Torna la violenza nel centro di Parigi, nel 18/o atto della protesta dei gilet gialli. "Due persone sono state salvate dalle fiamme, una donna e il suo bambino sono rimasti bloccati al secondo piano", hanno detto i pompieri.

Pesanti danneggiamenti, scontri con la polizia in assetto antisommossa e negozi saccheggiati. Gruppetti si sono staccati dal corteo principale per saccheggiare negozi, uffici e ristoranti nei dintorni degli Champs-Elysèes. La polizia ha tentato di respingere gruppi di giovani in abiti neri che hanno attaccato da diverse direzioni. Infine, blocchi sono previsti attorno al Peripherique, la tangenziale parigina, da parte degli ambulanti che hanno lanciato un appello ai gilet gialli a unirsi alla loro protesta. In particolare è stato preso di mira, dopo il Fouquet's, il Disney Store che ha riportato danni molto gravi. I manifestanti, ha annunciato Castaner, sono "fra i 7 e gli 8.000, fra cui 1.500 ultraviolenti".

Le fiamme, le schegge delle vetrine sui marciapiedi, i sassi lanciati da un lato all'altro della strada. I manifestanti hanno reagito vandalizzando negozi e ristoranti e appiccando il fuoco a edicole e mezzi di trasporto. Per la prima volta, nel pieno degli scontri, il primo ministro francese Edouard Philippe è sceso in piazza a incoraggiare e stringere la mano agli agenti. E quindi le forze estremiste e i black bloc hanno preso il sopravvento, trasformando questo sabato in un pomeriggio di ordinaria follia nel cuore della capitale francese.

Comments