Stadio Roma: arrestato il presidente dell'assemblea capitolina Marcello De Vito

Adjust Comment Print

Il presidente del consiglio comunale di Roma, Marcello De Vito (M5S) è stato arrestato dai carabinieri per corruzione nell'ambito della inchiesta della Procura sul nuovo stadio della Roma. Ciò che ha sempre distinto il Movimento dagli altri partiti è la reazione di fronte a casi del genere. Quello che ha affrontato in questo progetto è andato al di fuori delle sue abitudini e noi dovremo ringraziarlo come cittadini romani e italiani perché Pallotta e gli altri investitori hanno dimostrato di crederci e dobbiamo tutti sentire la responsabilità di questo progetto importante.

Il vice premier ringrazia "la magistratura e le forze di polizia per il lavoro che hanno svolto e che continueranno a svolgere quotidianamente", e ricorda "che proprio grazie a un provvedimento del Movimento 5 Stelle, lo Spazzacorrotti, chi viene condannato per questi reati oggi va dritto in galera!". "Secondo me guarda ci rimangono due anni", era la previsione. Se le opposizioni chiedono apertamente le dimissioni della giunta Raggi, anche tra le fila degli eletti c'è chi dubita di poter proseguire l'esperienza alla guida di Roma.

Federer perde la finale di Indian Wells
Il tennista austriaco ha battuto due volte Federer in carriera, a Roma sulla terra battuta e a Stoccarda sull'erba. Sarebbe stato l'ennesimo episodio di una rivalità infinita tra due giganti di questo sport.

Insieme a De Vito sono state arrestate altre tre persone, di cui due agli arresti domiciliari. "Questa congiunzione astrale è tipo l'allineamento della cometa di Halley, hai capito?" Dalle 260 pagine dell'ordinanza di applicazione delle misure cautelari emessa dal Giudice per le indagini preliminari Maria Paola Tomaselli emerge il funzionamento del "solito schema che conosciamo" usato dagli indagati per fare in modo di relativo superare - tramite apposite delibere - le limitazioni di cubatura imposte dalla delibera Berdini (ex assessore all'Urbanistica della Capitale dimessosi in polemica Virginia Raggi). I due "discutono dell'attuale congiuntura politica favorevole per massimizzare i loro profitti illeciti e si esprimono in termini assolutamente espliciti".

"No non solo beh questo ormai è un dato acclarato ma dico... dico... che tu ristai al governo di Roma e tu ristai al governo del paese con la quota di maggioranza, no?". De Vito sarà sostituito dal pentastellato Enrico Stefàno, già vicepresidente dell'Assemblea Capitolina e presidente della commissione Trasporti, che sarà il nuovo presidente dell'assemblea capitolina. De Vito e Mezzacapo, afferma l'ordinanza, "si facevano indebitamente promettere e quindi dare dai fratelli Toti a titolo di prezzo della mediazione illecita.110mila euro sotto forma di corrispettivo di incarico professionale conferito allo studio legale" di Mezzacapo che poi trasferì "48mila euro sul conto intestato alla società Mdl srl di fatto riconducibile a Mezzacapo e a De Vito".

Comments