Evani: "Demolire S.Siro? E' un tempio. Sarebbe come abbattere il Colosseo"

Adjust Comment Print

Una ipotesi sulla quale i due club avrebbero raggiunto un accordo e che sarebbe dunque ben più di una semplice indiscrezione giornalistica.

San Siro in macerie significherebbe la demolizione di una tradizione quasi secolare; e un vulnus grave nel cuore dei fans milanisti (e non). Il Comune, per concedere l'impianto, incassa circa 10 milioni di euro all'anno e non vuole rimetterci, ma non è riuscito a convincere i club a ristrutturare lo stadio. "E' talmente infuocato - ha detto lo stesso sindaco Beppe Sala - che questa mattina abbiamo avuto una chiamata dal Cio per avere garanzie sull'inaugurazione del 2026". La pazza idea che ora sembra essere condivisa da Inter e Milan è quella di far arrivare le ruspe al Giuseppe Meazza per realizzare un nuovo stadio nella stessa area. Ebbene, a breve i dirigenti delle due squadre milanesi metteranno un punto nell'incontro decisivo che avverrà a Milano per presentare i progetti.

Galoppata Italia, Liechtenstein travolto 6-0. Politano in campo 90 minuti
Buchel; Wolfinger, Kaufmann, Hofer, Goppel; Sele (46' Malin), Polverino, Wieser, Kuhne (68' Meier); Hasler , Salanovic (82' M. Le quote base sono ovviamente troppo sbilanciate, con l'1 dato addirittura a 1,01, l'X a 20 e il 2 a 75.

" Mi spiace davvero che si stia pensando di abbattere San Siro, per una doppia ragione". "Nel mio ruolo - constata - c'è anche da fare da cuscinetto su alcune polemiche, sono abituato e non mi spaventa, però in questo momento ho segnalato loro che sono io che ne sto risentendo da parte dei tifosi delle due squadre". "I milanesi non meriterebbero un schiaffo del genere".

Inter e Milan non giocheranno più a San Siro, per lo meno nell'attuale stadio, probabilmente a partire dal 2022. Uno stadio moderno e soprattutto di proprietà è quello che manca a entrambe per avvicinarsi ai ricavi economici delle grandi squadre europee, ma a riguardo ci sono ancora delle questioni da risolvere: dove farlo, e come. Potrà abbatterlo, modificarlo, utilizzarlo per eventi non calcistici. Uno stadio che ha visto gloria e sconfitte, onore e disonore, sogni e sangue, i migliori giocatori del mondo e i tanti sopravvalutati più volte ricordati nel Muro del Calcio. "Siamo al paradosso del superfluo!", conclude Sollazzo. "Il Meazza è un monumento dalle suggestioni e dalla storia così forti che solo un pazzo lo rottamerebbe - ha scritto sulla sua pagina Facebook -". La.d. nerazzurro Antonello ieri ha brevemente dichiarato dall'ECA: "Inter e Milan procedono insieme".

Comments