Bankitalia: Oilveti, bene bilancio 2018

Adjust Comment Print

Macina utili Bankitalia. I dati 2018, resi noti dal governatore Ignazio Visco nella relazione all'assemblea dei Partecipanti, evidenziano un utile netto di 6,24 miliardi, in crescita rispetto ai 3,9 miliardi del 2017.

Guaidó contro Maduro: la situazione in Venezuela è sempre più grave
Si tratta della seconda risoluzione di quest'anno sul Venezuela , la decima dall'inizio dell'attuale legislatura. Lo ha detto la portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova.

L'attivo di bilancio è cresciuto a fine 2018 a 968 miliardi, 37 in più rispetto all'esercizio precedente. Allo Stato vanno 5,71 miliardi, un ammontare superiore di 2,3 miliardi rispetto al 2017, mentre il dividendo complessivo sarà di importo uguale agli ultimi anni: 340 milioni, pari al 4,5% del capitale di cui 227 "effettivamente erogati" ai partecipanti al capitale e 113 milioni destinati alla riserva ordinaria della Banca. Lo ha affermato Alberto Oliveti, presidente dell'Adepp in rappresentanza degli enti previdenziali e delle casse di previdenza in possesso di oltre il 15% del capitale dell'istituto centrale, all'assemblea sul bilancio di Banca d'Italia. Tra le motivazioni che hanno contribuito al miglioramento del risultato, il Governatore ha segnalato "l'ulteriore aumento delle consistenze dei titoli detenuti per finalità di politica monetaria e una minore esigenza di accantonamento ai fondi patrimoniali a fronte dei rischi di bilancio". "Nel 2018 la politica monetaria dell'Eurosistema - ha ricordato il governatore - è rimasta espansiva allo scopo di favorire una progressiva convergenza dell'inflazione verso l'obiettivo di un livello prossimo al 2 per cento nel medio termine". E' invece la Banca d'Italia ad avere "il diritto di proprietà" sulle riserve. E arriva in un momento delicato: giovedì sera il Consiglio superiore della Banca d'Italia ha nominato i nuovi membri del Direttorio, con Fabio Panetta nuovo direttore generale e i vice Daniele Franco e Alessandra Perrazzelli. Insomma i maggiori oneri che il Tesoro italiano ha sopportato nelle aste, sono rientrati in parte nel bilancio pubblico e consentirebbero di pagare quasi per intero la spesa programmata quest'anno per il reddito di cittadinanza, che però è una misura strutturale, finanziata per più anni.

Comments