Sea Watch, indagati anche Conte, Di Maio e Toninelli

Adjust Comment Print

A lui, in prima istanza, i giudici del tribunale di Catania chiederanno per ordine di chi la Sea Watch fu matenuta per tanti giorni fuori dal porto di rifugio di Siracusa, dove era stata fatta attraccare per ripararsi dal maltempo. Lo dice il vicepremier, Luigi Di Maio, da Dubai, a proposito del caso Sea Watch. Il procuratore Carmelo Zuccaro mi comunica questa cosa. "Gli altri ministri possono dire quello che vogliono". Una richiesta bocciata dalla giunta per le Immunità del Senato che a marzo, con il voto decisivo del M5s, ha negato il processo per il leader della Lega. Decisione condivisa poi dall'aula.

Questa mattina Salvini ha replicato anche al ministro del Lavoro secondo il quale la chiusura dei porti è una soluzione "solo temporanea": "Rispetto il lavoro del collega Di Maio che si occupa di lavoro, ma sui temi di controllo dei confini e di criminalità organizzata sono io a decidere", ha detto il ministro dell'Interno. Nel caso dovesse invece sollecitare l'autorizzazione a procedere, invece, della richiesta dovrà occuparsene il Parlamento: Palazzo Madama nel caso del senatore Toninelli e di Conte, che non è stato eletto, e la Camera per il deputato Di Maio.

Il ministro dell'Interno Matteo Salvini, stamane durante una conferenza stampa in prefettura a Monza, ha fatto sapere di essere nuovamente indagato Salvini per sequestro di persona dalla procura di Siracusa, per la vicenda della nave Sea Watch.

Bagarre 4° posto, Gasperini: "Atalanta ha un solo risultato con l'Empoli"
Simone? Anche Pippo, ma dalla sera alla mattina cambia il mondo. "Inutile pensare a cosa accadrà tra due mesi, quattro o dieci". Atalanta a vita? Ho un contratto, sto benone, cosa dovrei risponderle? "Non ha senso.

Da Siracusa, senza alcuna valutazione, gli atti sono stati a loro volta inviati alla destinazione finale: la Procura distrettuale di Catania, competente per territorio. Nell'esposto su cui si basava l'inchiesta della Procura di Roma, si chiedeva anche di valutare eventuali coinvolgimenti dei responsabili dei dicasteri dell'Interno e dei Trasporti.

"Ho letto dell'indagine a carico di Salvini: ho ricevuto la stessa notifica, sono indagato anche io ma non mi sento Napoleone", è stato il commento del vicepremier Luigi Di Maio. "Il risultato è che c'è un procedimento penale nei miei confronti".

Comments