Ultras della Lazio a Piazzale Loreto: "Onore a Benito Mussolini"

Adjust Comment Print

Decine di ultras laziali hanno srotolato lo striscione dedicato a Mussolini e si sono prodotti nel rito del presente e in saluti romani.

Il tutto alla vigilia del 25 Aprile, Festa della Liberazione dal nazi-fascismo. Questa la provocazione neofascista firmata dagli Irriducibili della Lazio, in trasferta a Milano per la semifinale di Coppa Italia contro il Milan. "Non si può consentire che Milano, a pochi giorni dalla ricorrenza del 25 Aprile, venga percorsa da un corteo nero che si porrebbe in aperto contrasto con i principi sanciti dalla Costituzione repubblicana e con le leggi Scelba e Mancino", aveva detto il presidente dell'Anpi provinciale di Milano Roberto Cenati.

Piazzale Loreto è uno dei luoghi simbolo della Resistenza milanese.

La crisi di Higuain: "Pentito di essermi chiuso in casa"
Sono passati anni, ognuno pensa quel che vuole, ma credo di avere scelto in modo corretto. Sicuro di ciò che dice e con la maturità di chi, ormai, s'è lasciato tutto alle spalle.

L'articolo 5 della Legge Scelba punisce con la reclusione fino a 3 anni le "manifestazioni fasciste" e, in particolare, "chiunque, partecipando a pubbliche riunioni, compie manifestazioni usuali del disciolto partito fascista ovvero di organizzazioni naziste". Anche il luogo non è certo casuale: a pochi passi da Piazzale Loreto.

Prima di iscrivere formalmente il fascicolo, comunque, la Procura milanese dovrà ricevere un'informativa dalla Digos che è al lavoro per identificare gli ultrà. Il blitz di oggi, però, è avvenuto in strada davanti ai passanti. Nel corso degli anni sono diventati un punto di riferimento per le tifoserie organizzate di tutta Italia, non solo per motivi politici ma anche per la capacità di aver trasformato un semplice gruppo di tifosi in un vero e proprio brand.

Comments