Reddito cittadinanza, Tridico ipotizza tesoretto di 1 miliardo per il sociale

Adjust Comment Print

La media dell'assegno è di 520 euro. "Se si stabilizza il costo su una misura inferiore, ipotizziamo di un miliardo", quel tesoretto "dovrebbe rimanere sul sociale".

Perché, ha sottolineato l'esponente del Movimento 5 Stelle, "è chiaro che si deve creare lavoro, è chiaro che il Movimento 5 Stelle vuole generare lavoro ed è anche chiaro che la misura del reddito di cittadinanza non è fatta per stare sulla poltrona, non è una misura assistenzialista, prevede un inserimento al lavoro, prevede una formazione per potersi introdurre".

"Mi sembra tutto assurdo - dice al quotidiano più letto in Sardegna - Tra l'altro, all'inizio hanno detto che faceva fede soltanto il reddito dell'ultimo anno, poi invece pare che si faccia riferimento anche a quello del 2017".

Il numero uno dell'istituto nazionale di previdenza afferma che Quota 100 "è una misura assolutamente sostenibile anche perché è per 3 anni, non per 10". "Ho parlato con Di Maio e con i suoi funzionari ministeriali - ha detto oggi Tridico - e mi ha assicurato che il decreto sarà emanato a maggio". Si, ma potrebbero non essere sufficienti. "Utile per sapere rapidamente se si può accedere alla misura e a quanto ammonta la quota mensile che si riceverà".

Neonato gettato in un cassonetto a Rosolina Mare: corsa per salvarlo
Un fatto terribile quello accaduto questa mattina in provincia di Rovigo , una scoperta che nessuno vorrei mai fare. Secondo i medici il piccolo era nato da non molto tempo, forse mezz'ora prima.

Come si era potuto intuire già pochi giorni dopo l'apertura ufficiale delle domande, in provincia di Trapani si rivela un vero e proprio flop il reddito di cittadinanza. Se lo replichiamo per i successivi trimestri, non penso che siamo lontani da 290 mila, come stimato nella relazione tecnica.

"Ci sono alcune macroscopiche contraddizioni, come quella che gli stessi navigator sono assunti con contratto biennale di collaborazione coordinata e continuativa e sono quindi essi stessi precari - spiega il Responsabile Nidil (Nuove identità lavoro) e dell'Area Giovani e Lavoro della Cgil di Monza e Brianza - inoltre queste figure sono state imposte dal Governo alle Regioni, a cui costituzionalmente sarebbe affidata la gestione del mercato del lavoro".

Infine, e' interessante verificare se nei prossimi mesi si osservera' un' impennata delle richieste del RdC: i margini di incremento della platea dei beneficiari ci sono. Alla domanda se possano eventualmente essere usati per togliere il blocco della perequazione alle pensioni sopra tre volte il minimo, "non posso rispondere".

Comments