MILAN, Scaroni: "C'è video con 32 cori razzisti"

Adjust Comment Print

Per il Milan "l'obiettivo Champions si è allontanato con la sconfitta di ieri, ma continuiamo a inseguirlo". Il Milan è uscito con le ossa rotte dalla dalla sfida contro la squadra di Mazzarri, queste le parole del presidente Scaroni in un'intervista rilasciata a Radio Uno: "Cosa succederebbe senza la Champions?".

Considerando la recidività di Milan-Lazio, Scaroni si aspettava attenzione e severità dalle Istituzioni: "Posso solo dire che noi abbiamo un filmato e per 32 volte si sentono dei cori razzisti. Tuttavia è ovvio che ci avevamo fatto la bocca e ora siamo delusi, ma continueremo a lottare fino in fondo per provare a raggiungere questo traguardo".

Scaroni ha infine toccato il tema del razzismo e della mancata interruzione-sospensione della semifinale di Coppa Italia con la Lazio: "Dobbiamo copiare l'Inghilterra, che nel calcio è dieci anni avanti, rispetto a noi: loro vanno a caccia degli episodi di razzismo anche fuori dallo stadio, mentre da noi l'atteggiamento è un po' passivo". Sono l'arbitro e il responsabile dell'ordine pubblico a decidere a proposito dell'eventuale sospensione di una partita.

Allerta gialla nel Ponente fino alle 15: piogge sparse e ancora vento
I venti saranno al mattino deboli e proverranno da Nordest , al pomeriggio deboli e proverranno da Sudovest. Domenica: giornata che sarà generalmente simile alla precedente con cieli per lo più variabili ed uggiosi.

Sullo stadio: "Non ne farei un fatto di stadio di proprietà o meno, certo uno stadio in cui si può controllare meglio le tifoserie è uno stadio in cui si può reprimere con maggiore celerità, ma non ne farei un fatto di stadio di proprietà o meno".

Su Torino-Milan: "Ho visto la partita ieri, il Milan non gioca a buoni livelli da un paio di mesi. L'obiettivo Champions si è allontanato ma non abbassiamo le braccia". Perdere la qualificazione -ha detto Scaroni- avrebbe un impatto economico e allontanerebbe i tempi del progetto che punta a rimettere il Milan dove noi vogliamo. E' giusto però sottolineare anche che il nostro è un progetto a medio-lungo termine: nel budget del Milan di quest'anno non era preventivata la Champions e andarci sarebbe stata una sorpresa. E' chiaro che abbiamo avuto un calo di forma, non forniamo più le prestazioni di due-tre mesi fa.

Comments