Marc Marquez ha vinto il MotoGp di Le Mans 2019

Adjust Comment Print

Salgono sul podio di Le Mans i piloti ufficiali Ducati, con Andrea Dovizioso che nei giri finali ha resistito agli attacchi del compagno Danilo Petrucci.

Marc Marquez suona un'altra sinfonia e anche in Francia mostra a tutti i muscoli, vincendo una gara con grande autorità.

Ottima gara per Fabio Quartararo, ottavo seguito da Crutchlow ed Alex Rins.

Massimiliano Allegri, dalla carriera da calciatore a quella da allenatore: la fotostoria
Il numero 33 juventino è uno dei giocatori che ha reso di più e che si è ritagliato uno spazio importante anche nello spogliatoio. L'insieme di queste elementi ha portato alla separazione: consensuale , perché nessuno si tira i piatti e se li tirerà.

Gli ultimi tre giri vedono Petrux in costante pressione sul compagno di squadra che, tuttavia, riesce a mantenere la posizione alle spalle del campione spagnolo: bella sfida che si conclude con entrambi i centauri della Ducati ufficiale sul podio. In classifica iridata Marquez allunga leggermente portandosi a +8 su Dovizioso, il primo inseguitore. Entrambi non hanno terminato la gara. Gruppo compatto di quattro in avanti, a seguire Petrucci, Pol Espargaro e Morbidelli. Dovizioso si conferma l'avversario n.1 di Marquez, mentre Petrucci conquista un podio importantissimo, che arriva proprio nel momento giusto, quando attorno a a lui iniziava a crescere un po' troppo la pressione per i mancati risultati. Un Dovi un po' abbattuto per non essere riuscito a competere con Marquez, ma il sorriso per il secondo posto c'è eccome: "i secondi posti servono eccome, però c'è secondo e secondo".

I due piloti italiani si portano a ridosso dei primi due, ma dopo alcuni tentennamenti il leader del Mondiale supera Miller e comincia ad allungare. Maverick Viñales (Esp) Yamaha 1'42 " 555 12.

La griglia di partenza del gran premio di Francia di MotoGp. Scattato dalla pole position, dopo la bagarre nelle prime fasi con Jack Miller, il pilota spagnolo ha fatto il vuoto nella seconda parte della gara. Questa è stata la conclusione della gara. Lunga 4,180 metri e larga 13 metri, è caratterizzata da curvoni lunghi e veloci, ben 9 curve a sinistra e 4 a destra, che mettono a dura prova le gomme. Gli 87 attuali, in scia a Marc, possono confortare ma, per quanto si è visto fino ad ora, sono maggiormente conseguenza dello zero dell'iberico ad Austin. Se questo campionato non ha già preso una direzione certa è solo a causa di quel contrattempo americano.

Comments