Allegri: "Il mio addio alla Juve una decisione del club"

Adjust Comment Print

D'altronde Allegri stesso non ha mai fatto mistero della sua volontà di un ritorno a Milano dopo lo scudetto vinto del 2010/2011 e l'esonero dopo la fatale e famosa sconfitta contro il Sassuolo: basta vedere il recente dietro le quinte del livornese da Fazio (vero Teo Teocoli?) che diventò virale.

Lotta salvezza: prossimo turno e combinazioni
Se la Fiorentina perde col Genoa e l'Empoli vince a Milano c'è un'ultima piccola possibilità di rimanere in Serie A . Empoli e Genoa a 38 punti , ma Genoa sopra per gli scontri diretti.

Ci sono società come la Roma, ma in parte anche Inter e Milan, che hanno vissuto una stagione travagliata: i problemi del club intrecciati con quelli della squadra. I tentativi bianconeri si intensificano fino al gol di Mandzukic che costringe l'Atalanta a dieci minuti finali di panico. Mancano solo Khedira e Pavel Nedved - ufficialmente a causa di impegni in Repubblica Ceca -, e la commozione sul volto di Allegri per poco non si trasforma in lacrime. Di fronte però c " è l'Atalanta che ha appena perso la Coppa Italia e non vuole lasciarsi sfuggire l'altro grande obiettivo, la Champions. Ma già all'8' i bergamaschi erano andati vicinissimi al gol, con traversa di Hateboer. Per ora nessun contatto tra la dirigenza bianconera e l'allenatore dei biancocelesti, che in questi anni si è costruito una reputazione eccellente a suon di risultati: i piani del tecnico sono di restare alla Lazio, ma una chiamata della Juventus potrebbe cambiare il punto di vista di molti. Siamo lì, tutti insieme: stare con le grandi squadre per noi è qualcosa di eccezionale. "Lascio una società solida, con gruppo di giocatori straordinari", prosegue un commosso Allegri. La bordata, secondo alcuni, sarebbe rivolta a Lele Adani, opinionista Sky che ha spesso battibeccato con l'allenatore bianconero. Giocar bene o giocar male dipende dal risultato finale. Mi sono subito sentito juventino qui, avevo il poster di Platini in camera, mi affascinava come giocava. I tifosi? Più sono contro meglio è, le contraddizione ti fanno crescere. "La prossima stagione potrebbe non essere altrettanto buona, ma sarò tecnico del City". Futuro? Ora non so nulla, domanigiochiamo, per il futuro vedremo. Poi del futuro vedremo, magari una pausa può farmi bene, ho bisogno anche di riposare.

Comments