F1, è morto Niki Lauda, aveva 70 anni

Adjust Comment Print

Niki Lauda, austriaco, negli anni Settanta era stato pilota della Ferrari nel campionato del mondo di automobilismo di formula 1.

Di recente era stato ricoverato presso una clinica privata in Svizzera per problemi ai reni, sottoponendosi ad un trattamento di dialisi. Aveva subito un trapiano di polmone il 2 agosto a Vienna. "Con profonda tristezza annunciamo che il nostro amato Niki è morto pacificamente con i suoi cari lunedì scorso". I suoi risultati unici come atleta e imprenditore - scrivono i familiari - sono e rimarranno indimenticabili, come il suo instancabile entusiasmo per l'azione, la sua schiettezza e il suo coraggio. Un modello di riferimento e un punto di riferimento per tutti noi, era un marito amorevole e premuroso, padre e nonno.

Lauda vinse tre titoli mondiali nel 1975, 1977 e 1984 con McLaren e Ferrari. Rimase gravemente ustionato in un incidente nel 1976 sul circuito del Nürburgring. La sua scomparsa lascia un vuoto in Formula 1. Lo schianto contro una recinzione durante la gara sulla pista tedesca di Nuerburgring avvenne a una velocità di 200 chilometri. La sua Ferrari fu avvolta dalle fiamme e per tirarlo fuori dalla macchina ci vollero 55 secondi. Ma non ha solo continuato a vivere, ha continuato a combattere.

Tappa a Masnada, Conti in rosa
Così sul rettilineo finale Masnada si è preso la tappa e Conti la classifica generale . A vincere sul traguardo di San Giovanni Rotondo , è stato Fausto Masnada .

Oltre ai problemi di salute persistenti, lo schianto gli 'lasciò' anche quel suo caratteristico berretto sportivo rosso. Tornò al volante per ricominciare a vincere: "Preferisco avere il mio piede destro che un bel viso", disse quella volta.

Vincente, fino all'ultimo. Nika Lauda dal settembre 2012 era presidente onorario non esecutivo della Mercedes e ha vissuto in prima persona i successi di Hamilton e Rosberg.

Ha disputato 171 gran premi, con Ferrari e McLaren, fra le altre case automobilistiche, vincendone 25. La vita di Niki è raccontata anche nel famoso film Rush, uscito nel 2013.

Comments