Francilia: "Messina decisiva per la vittoria della Lega nell’Italia insulare". INTERVISTA

Adjust Comment Print

Insomma, nel disastro complessivo, è nel Mezzogiorno che si è concretizzata la "resistenza" a Cinque stelle. I dem raggiungono il 26,5% a Como, mentre +Europa si ferma al 2,98% in provincia e sale al 4,28% nel capoluogo lariano. Forza Italia prende il 12,28%. E potrebbe bastargli un'alleanza con Fratelli d'Italia per ottenere il 40 per cento nel sistema proporzionale e conquistare il 70 per cento al maggioritario.

Matteo Salvini sembra aver vinto la propria scommessa di trasformare la Lega in un partito nazionale in grado di rappresentare tanto il nord quanto il sud.

PARTITO DEMOCRATICO: la convinzione nel Pd di Nicola Zingaretti è quella di migliorare il dato delle Politiche 2018 e di restare sopra quota 20% con la speranza, anche se non fortissima, di superare i 5 Stelle.

Spagna, 4 italiani arrestati per un pestaggio: il video choc
Le prossime 48 ore saranno fondamentali per determinare se potrà recuperare del tutto o se ci saranno conseguenze per il danno subìto.

Fuori dalla soglia di sbarramento del 4 % +Europa (2,06 %), Europa Verde (1,42), La Sinistra (1,4), Partito Comunista (1,02), Il Popolo della Famiglia (0,78), Casapound Italia (0,72), Partito Animalista (0,44), Forza Nuova (0,26), Partito Pirata (0,19) e Popolari per l'Italia (0,17).

Si diceva di Riccione. Un altro terzo abbondante (circa il 38%) non è andato a votare, il 14% ha votato la Lega, solo il 4% ha votato il Partito democratico, mentre il 6% gli altri partiti. Ultimo partito in doppia cifra nelle percentuali, infine, è Forza Italia che, con 17.218 voti ottiene il 10.39%. Secondo partito è il Pd con il 23,3%. Segue la Lega con 454.935 voti (22,42%), il Pd con 375.001 consensi (18,48%), Fi con 299.729 voti (14,77%), Fdi con 147.812 voti (7,28%).

Uno scenario preoccupante per il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, che aveva il compito già non facile di rimettere insieme i cocci dell'esecutivo dopo le polemiche e le accuse che Matteo Salvini e Luigi Di Maio si sono scambiati durante tutta la campagna elettorale. Supera anche il totale dei voti ottenuti al Senato da Antonio Barboni (34,37%) sostenuto da Lega, Forza Italia, Fratelli d'Italia e Noi con l'Italia-Udc.

Comments