Venezia, Bruscagin: "Playout? Una follia. Sarà partita di pasquetta tra ubriachi"

Adjust Comment Print

Giorni difficili, per tutte le squadre che subiscono gli effetti delle decisioni degli organi di giustizia sportiva, in relazione alla Serie B. Una di queste è il Venezia, che oggi ha voluto tenere una conferenza stampa dove hanno preso la parola tutti i rappresentanti del club: dal capitano all'allenatore e al direttore generale. Ma voglio sottolineare che l'11 maggio, quando abbiamo raggiunto i playout, eravamo certi di doverli giocare. In ogni caso, anche per svelenire politicamente (viste le accuse di conflitti di interesse rivolte a Claudio Lotito) la vicenda, sembra essere il Venezia ad agitare il cartello del "non vogliamo giocare" più della Salernitana, che peraltro è anche la peggio piazzata (pur con gli stessi punti) e quindi quella che rischia di più in caso di mancata disputa. Cosa facciamo, ci asteniamo da soli e poi perdiamo la partita a tavolino e veniamo squalificati 5-6 mesi? Sì, lì non abbiamo festeggiato, ma ci eravamo sentiti naturalmente liberi dopo una stagione di grande sofferenza.

Parole dure usate anche dal tecnico del Venezia Serse Cosmi: "Dopo la retrocessione del Palermo siamo andati avanti una settimana pensando a come poterci salutare, in un clima di fine stagione". Abbiamo giocatori in scadenza e altri in prestito, senza essere ipocriti è inimmaginabile pensare che siamo pronti. "Siete stati salvi 20 giorni, però ora i playout li fate se no ci incazziamo", questo è il tono che sentiamo attorno a noi.

Spread sfiora i 290
La risposta italiana sarà presa in considerazione nel rapporto sul debito che la Commissione Ue sta preparando. In mattinata lo spread ha sfiorato quota 290, per poi scendere a 287 punti.

Ad oggi, salvo clamorosi ribaltoni, sarà Venezia-Salernitana il confronto che dovrà garantire solo ad una il posto nella B che verrà. Non parlo di campionato falsato, ma l'attendibilità è inesistente, la credibilità non c'è. Io non posso chiedere di non giocare perché non è nelle mie facoltà, ma certamente i toni utilizzati sono stati incredibili.

Il presidente del Venezia Joe Tacopina, con una dichiarazione apparsa sul sito ufficiale dei lagunari, si è scagliato contro la decisione di far disputare ai veneti il playout contro la Salernitana. Nessuno di noi ha chiesto di non giocarli, ci hanno detto che eravamo salvi.

Comments