Partita la lettera di Tria: non ci sono tagli al welfare

Adjust Comment Print

Lo scrive su Facebook il vicepremier del Movimento 5 Stelle, Luigi Di Maio. Il punto di vista di Salvini è chiaro: "Noi siamo convinti che i cosiddetti mercati e i signori dello spread abbiano solo da guadagnare" dai progetti di riduzione delle tasse che il governo vuole portare avanti e "da un'Italia che cresce non dello zero virgola".

"È stato un colloquio interessante e utile su tutti i temi economici, abbiamo discusso dell'atteggiamento da tenere nei confronti dell'Europa, della necessità di sbloccare i cantieri e le grandi opere, in generale del rilancio economico del Paese", ha detto Matteo Salvini. Salvini, inoltre, ha annunciato che lunedì sarà all'inaugurazione del primo tratto della Pedemontana Veneta.

La risposta alla lettera del Governo italiano sui rilievi di Bruxelles sul debito pubblico crea una scissione nel Governo, già fortemente in bilico.

Ue, ecco la lettera inviata da Tria. "Non ho avuto ancora il piacere di leggere la lettera preparata dal ministro Tria all'Unione Europea, ma apprendo che prevede tagli alla spesa sociale, alla Sanità, a Quota 100, al Reddito di Cittadinanza".

Il Mef aveva smentito categoricamente e nella versione ufficiale del documento inviato a Moscovici e Dombrovskis non c'è traccia di questi tagli.

Chelsea, clamorosa lite in allenamento: scintille tra Sarri, Higuain e David Luiz!
C'è una motivazione: Sarri aveva già memorizzato il nervosismo di Higuain , sempre in allenamento, prima di partire per Baku . Momenti di tensione in casa Chelsea a meno di 24 ore dalla finalissima di Europa League contro l'Arsenal .

Il passaggio e' sfumato e indica in modo piu' generico che "il governo sta elaborando un programma complessivo di revisione della spesa corrente comprimibile e delle entrate, anche tributarie". "Come si potrà constatare quando si prenderà visione della lettera che sarà firmata dal ministri e inviata a Bruxelles".

Sempre nella lettera, ribadisce che le entrate tributarie sembrano superare le previsioni e quindi l'utilizzo delle risorse del Welfare, finora è inferiore a quello stimato nella legge di bilancio 2019.

E' stata diffusa la lettera che il ministro dell'Economia Giovanni Tria ha inviato alla Commissione europea in risposta ai chiarimenti chiesti da Bruxelles sul nostro debito pubblico. Sostanzialmente - come si legge sul Corriere della Sera, si diceva: salvo che per un passaggio.

"Il Parlamento ha invitato il Governo a riformare l'imposta sul reddito delle persone fisiche nel rispetto degli obiettivi di riduzione del disavanzo per il periodo 2020-2022 definiti nel Programma di Stabilità".

"Dal lato della spesa - si leggeva nella lettera riportata dal sito di La Repubblica - il Governo sta avviando una nuova revisione della spesa e riteniamo che sarà possibile ridurre le proiezioni di spesa per le nuove politiche in materia di welfare nel periodo 2020-2022. I partiti politici hanno espresso riserve circa il previsto aumento dell'Iva, ma abbiamo comunque un ventaglio di misure alternative onde garantire il suddetto miglioramento strutturale", ha aggiunto il ministro dell'Economia.

Comments