Le precisazioni della Rai sul compenso di Gad Lerner

Adjust Comment Print

Il ritorno di Gad Lerner nell'azienda pubblica ha destato le ire del leader leghista, già noto per i violenti attacchi contro Fabio Fazio.

Da qualche settimana il nuovo programma di Lerner è sotto attacco da parte dei ministro dell'Interno Matteo Salvini.

Matteo Salvini non è soddisfatto di come stanno andando le cose in Rai, e lo esprime chiaramente in un live di Facebook. Un giornalista obiettivo, equilibrato, super partes... Io non so se la Rai del cambiamento passa da Gad Lerner, non che abbia qualcosa contro di lui, ma Lerner, Fazio, Saviano manca solo Michele Santoro per chiudere il cerchio. Mi stupisce questa scelta editoriale, con tanti giovani giornalisti e conduttori... Ad ogni modo la Rai ha voluto precisa con il comunicato stampa ufficiale che vi riportiamo integralmente di seguito. "Salvini scambia Salini, l'amministratore delegato Rai, per il suo cameriere". È il mio parere da ascoltatore. "Io non lo guarderò e mi limiterò a chiedere quanto costa e quanto guadagna".

Panchina Roma, Mourinho: "Voglio un progetto, anche un club non subito vincente"
Non ho sofferto perché ho il controllo di ogni mia emozione, ma allenare è sicuramente una parte importante della mia vita. E il tempo stringe, visto che le principali panchine dei top club europei si stanno per riempire.

"Mi limito a ricordare - ha risposto Lerner alla presentazione del progetto Noi partigiani nella sede dell'Anpi - che per ora grazie al cielo la Rai è di tutti e non solo di coloro che la pensano come la persona che si è lamentata ieri".

Gad Lerner al centro del relitto che costituisce la scenografia de "L'approdo", su Rai3 dal 3 giugno. "Lo stesso che ha portato a colpire con una sospensione una professoressa di una scuola a Palermo perché ha permesso ai suoi studenti di formarsi". Si tratta di una versione aggiornata delle liste di proscrizione alla quale la Rai deve rispondere con la necessaria energia e determinazione. "Senza essere eroi si può darle di più", conclude un Santoro con i nervi piuttosto tesi il suo intervento dal titolo "Salvini, dammele". Nel corso della prima puntata sarà trasmessa un'intervista esclusiva, realizzata sotto il Monumento al Guerriero di Legnano (MI) tutt'ora simbolo della Lega, a Francesco Speroni, uno dei padri fondatori della Lega Nord, Ministro delle Riforme del primo Governo Berlusconi esponente di punta della Lega dalla sua nascita fino al 2014 quando decide di non ricandidarsi all'europarlamento.

Comments