Italia batte Australia Bonansea super: "Vinta la paura"

Adjust Comment Print

L'Italia ha battuto nella prima partita di Francia 2019 l'Australia per 2-1. L'attaccante classe 1991 di strada ne ha fatta eccome: "Mio padre mi portava con lui a ogni singolo allenamento di mio fratello maggiore e a tutte le partite della domenica - ha raccontato in esclusiva a Undici - ero sempre a bordocampo e una volta l'allenatore mi disse di smetterla di starmene lì a guardare e di entrare in campo". Chiari i modelli da seguire: "Milena Bertolini e Rita Guardino sono due tra i nomi che per me sono più importanti quando parliamo di calcio italiano".

Barbara Bonansea è entrata da subito nel cuore di tutti gli italiani.

Esordio cardiaco quello delle azzurre in occasione di mondiali di calcio femminile in Francia. Il suo ultimo gol, segnato allo scadere del tempo, l'ha consacrata definitivamente come la beniamina del pubblico.

Un percorso difficile, a cui anche la stessa Bonansea aveva pensato di rinunciare. Da bambina giocava a calcio con i maschi. Nel 2004 si tessera col Torino, nel 2006 esordisce in Coppa Italia e nel 2007, c'è prima la Supercoppa e poi il debutto in Serie A. Forte di ciò, Barbara continua a giocare e a rincorre quel pallone, realizzando il sogno tanto ambito: arrivare al Mondiale.

Meteo, ondata di caldo: il Ministero lancia il piano allerta
La qualità dell'aria per la giornata di oggi è buona, con una media giornaliera di particolato sospeso pari a 5,3 µg/m³. Lungo le coste, l'azione mitigatrice del mare tampona l'escalation della temperatura su valori meno intensi di caldo .

E' stato suo il gol del pareggio di ieri dopo l'1-0 di Kerr e poi il bis al 95′ che hanno fatto volare le azzurre a +3 punti. Da 20 anni l'Italia femminile non gareggiava in tale competizione. Il prossimo avversario delle Ragazze Mondiali si chiama Giamaica.

Dal mercato, voci insistenti la vorrebbero vicina al Lione.

Seconda parte di primo tempo molto sofferto per l'Italia che, dopo esser passata in svantaggio, subisce la pressione delle avversarie e le loro incursioni sulle fasce e rischia di subire un'altra rete dopo pochi minuti quando una conclusione finisce sulla traversa, tuttavia le azzurre non si arrendono e nella ripresa pareggia al 56' con Barbara Bonansea, in grado di sfruttare un errore della difesa australiana. Vincere forse no, è ancora troppo presto. La qualificazione al Mondiale francese ha infatti offerto alla famiglia Bonansea il pretesto per comprare finalmente l'agognato camper per le trasferte.

Comments