Morto Franco Zeffirelli, regista di Fratello Sole e Sorella Luna

Adjust Comment Print

Il mondo del cinema piange Franco Zeffirelli.

(15 giugno 2019, di Saverio Felici) Si è spento all'età di 96 anni nella sua casa romana sull'Appia Antica Franco Zeffirelli. L'arrivo del carro funebre è stato salutato da un lungo applauso dalla folla presente in piazza, oltre due mila persone e dal suono delle chiarine del Comune. Ad assisterlo nelle sua ultime ore di vita i figli adottivi Pippo e Luciano, un medico e il parroco della chiesa di San Tarcisio che ha benedetto la salma. Molte le dediche scritte sul libro delle presenze: "Grande maestro, vai dove Giulietta e Romeo ti aspettano", ha scritto Barbara, mentre Max ha scritto "Grazie, grandissimo fiorentino", e Carla ha scritto "Ad un'anima eletta da pochi compresa". Allestito anche un maxi schermo, sul lato destro, dove scorrono immagini del regista e filmati in cui il soprano Maria Callas canta celebri arie d'opera. In occasione di una sua udienza privata con Papa Francesco nel 2016, al quale ha dedicato un libro che raccoglie le fotografie scattate sul set del film su san Francesco, disse che in Bergoglio aveva ritrovato "quell'essenza dello spirito francescano in grado di riaccendere tutte le nostre speranze". Era un personaggio difficile, perché non era facile, però la bellezza di quello che ricevevi in cambio era impagabile. Il suo lavoro gli sopravvive.

Dichiaratamente omosessuale, guardava con diffidenza il movimento gay ritenendo l'omosessualità "Una virilità creativa" che ci giungeva dalla Grecia e da Roma. Dal cinema al teatro, Franco Zeffirelli è stato apprezzato in tutto il mondo.

Mondiale Under 20, le formazioni ufficiali di Italia-Ecuador: c'è Alberico
In svantaggio al 65′ per il gol di 65′ Buletsa , gli azzurrini sono passati in superiorità numerica per l'espulsione di Popov . Una nota positiva di questa partita è che Luca Pellegrini , terzino sinistro della Roma, ha giocato per tutti e 90 i minuti.

Ed è proprio con Visconti che Zeffirelli ha mosso i primi passi come regista. L'ultimo premio gli era stato consegnato recentemente dal presidente del Senato Elisabetta Alberti Casellati. Nel 2008 Franco Zeffirelli aveva manifestatola volontà di lasciare alla città di Firenze l'intero suo archivio "raccolto per i miei spettacoli di lirica, di teatro e di cinema nell'arco di sessant'anni".

Il Maestro riposerà nel cimitero delle Porte Sante di Firenze.

Dichiaratamente omosessuale, uno dei primi nel mondo dello spettacolo a fare outing, il regista non ha mai rinunciato alla religione. Sarà l'arcivescovo di Firenze, cardinale Giuseppe Betori ad officiare il rito che inizierà alle 11 accompagnato dalla Cappella musicale della cattedrale di Firenze diretta da Michele Manganelli.

Comments