Sea Watch, l'Olanda risponde alle dichiarazioni di Salvini

Adjust Comment Print

"È una vergogna - ha urlato Maraventano rivolta verso la nave -".

La Procura di Agrigento ha iscritto nel registro degli indagati la comandante della nave, Carola Rackete, per "favoreggiamento e violazione del codice di navigazione". I migranti, tra cui alcune donne, sono stati fatti ormeggiare al molo Favarolo e da lì presi in carico dalla Guardia di Finanza. Si trovavano sulla Sea Watch 3 dallo scorso 12 giugno, quando erano stati soccorsi insieme ad altre decine di migranti nella zona Sar libica. Delrio ha descritto come "insostenibile" la situazione trovata sulla nave e ha chiesto al governo che si attivi per fare sbarcare al più presto i migranti. "Il presidente del consiglio ha il dovere di intervenire immediatamente per porre fine a questa assurda situazione che sta minando la credibilità e il prestigio del nostro paese nel mondo".

Fonti della Farnesina confermano che a seguito del lavoro svolto - su istruzioni del ministro Enzo Moavero Milanesi, in stretta correlazione con la Commissione europea - Francia, Germania, Lussemburgo, Portogallo e altri stati membri dell'Ue sono disponibili ad accogliere migranti imbarcati sulla nave Sea Watch. L'ex sindaca di Lampedusa Giusi Nicolini in tutta risposta le ha urlato: "Che vuoi tu?"

Urla contro la capitana della Sea Watch: "Spero che ti stuprino"
All'ex vicesindaco ha risposto l'ex sindaco Giusi Nicolini: "Che vuoi tu, chi sei tu per decidere chi deve venire e chi no". Entro 48 ore la Procura di Agrigento , guidata da Luigi Patronaggio , dovrà chiedere al gip la convalida dell'arresto .

Il Governo italiano ha già compiuto un passo formale nei giorni scorsi con l'Ambasciatore all'Aja e punta a verificare eventuali omissioni da parte dei Paesi Bassi. Non è comunque chiaro come il governo olandese possa contribuire a risolvere la situazione, ormai sotto la responsabilità del governo italiano.

Il ministro dell'Interno e vicepremier Matteo Salvini invita il premier olandese a prendersi i migranti della Sea Watch. Tra questi Riccardo Magi, deputato di +Europa, che su Twitter scrive: "Abbiamo trascorso la notte sul ponte della Sea Watch partecipando ai turni per controllare che non ci fossero gesti disperati da parte dei naufraghi. Ha insistito sulla legge del mare e ha portato la gente al sicuro", ha affermato il Ceo di Sea Watch, Johannes Bayer.

Comments