È morto il grande autore argentino Guillermo Mordillo

Adjust Comment Print

È morto Guillermo Mordillo Menéndez, per tutti Mordillo, come firmava i suoi lavori.

Si è spento a Palma di Maiorca il 29 giugno, dove aveva una casa l'arista celebre per il suo umorismo e i suoi animali stravaganti ed espressivi - come le giraffe dal collo lunghissimo - che negli anni '70 hanno conquistato il mondo. I suoi disegni, spesso incentrati sullo sport e gli animali, erano caratterizzati da un tratto morbido e un'affollamento di personaggi. Dalla ricostruzione del quotidiano El País, ha accusato un malore mentre era a cena con i suoi familiari in un ristorante.

Nato nel 1932 nel quartiere di Villa Pueyrredón a Buenos Aires da genitori di origini spagnole, inizia a disegnare a soli 12 anni e sempre durante l'adolescenza, dà vita insieme a Enrique Lipszyc (futuro sceneggiatore di fumetti e ideatore della Escuela panamericana de arte) a un giornalino scolastico.

L'illustratore e fumettista Guillermo Mordillo è morto all'età di 86 anni sull'isola di Maiorca in Spagna, dove viveva da tempo.

Torino, Cairo scatenato: l’Europa League e gli annunci di mercato
Non so quale sia il suo valore, non ci penso perchè l'intenzione che abbiamo, e che ha anche lui, è di giocare l'Europa insieme. Sarebbe stato un peccato non andare in Europa, Mazzarri ha dato carattere alla squadra, ha fatto davvero un grandissimo lavoro.

La vera svolta nella sua carriera avviene con il trasferimento negli Stati Uniti, quando Mordillo comincia a lavorare per Paramount.

Concluso il periodo americano, si trasferisce in Francia. Nelle prossime ore saranno diverse le persone che daranno l'ultimo saluto ad una delle persone che sarà ricordato in tutto il mondo per i suoi disegni umoristici. Preferisce occuparsi di relazioni umane, sesso e calcio. In effetti, i suoi personaggi sono muti!

Mordillo ha ricevuto numerosi premi nell'arco della propria carriera, tra cui il Phoenix Prize of Humor nel 1973, il Yellow Kid Award nel 1974, il Nakanoki Prize nel 1977, il Cartoonist of the Year del Salone Internazionale dell'Humor di Montréal nel 1977. Nonostante l'età, l'autore era ancora attivo nella sua produzione, che ha cavalcato più di cinque decenni.

Comments