Sea Watch, l'avvocato di Carola Rackete: 'Quereliamo il ministro Salvini'

Adjust Comment Print

Con un postilla al curaro: "Nel circuito di questi leoni da tastiera abituati all'insulto, è lui che muove le acque dell'odio. Quando le persone vengono toccate nel portafogli, capiscono che non possono insultare gratuitamente". La capitana tedesca della nave umanitaria battente bandiera olandese, Carola Rackete, si trova in una località segreta in Sicilia in attesa di essere ascoltata dai magistrati di Agrigento.

L'attuale posizione di Rackete, viene spiegata dal difensore della giovane tedesca: la donna "rimane attualmente indagata per il reato di resistenza a pubblico ufficiale e del reato previsto dall'articolo 1100 del Codice della navigazione. Lasciamo perdere la propaganda truculenta che la qualifica come delinquente, quella che è abituato a fare il ministro dell'interno in maniera invereconda e irresponsabile, il giudice ha detto che non c'è nulla, che quella condotta è stata nell'ambito di una risposta ad una situazione drammatica che c'era a bordo".

"Continuavano a passarsi la patata bollente mentre avevamo 40 migranti salvati a bordo", ha detto la 31enne che ha puntato il dito anche contro il ministro degli Interni conservatore della Germania, Horst Seehofer, dicendo che "non aveva voglia di accettare" le offerte provenienti da quelle cittadine che si sono fatte avanti per l'accoglienza dei migranti.

L'avvocato ha inoltre spiegato che Carola non era al corrente della decisione di Salvini secondo il quale se la capitana non avesse forzato il blocco il mattino dopo avrebbe autorizzato lo sbarco. Questa barca atteso due settimane che qualcuno autorizzasse lo sbarco, non è stato detto e fatto nulla e quindi ha deciso di sbarcare. Se mi trovassi ancora nella stessa situazione, non ho dubbi: "rifarei tutto". Alcuni minacciavano di buttarsi per raggiungere a nuoto la riva, altri di suicidarsi.

Juve, La presentazione di Rabiot, conferenza stampa. Il video
Sono disponibile per la squadra. "Spero di poter portare anche io il mio contributo nella storia di questo club". Si è presentato e voleva capire, ma non ci sono state offerte e nessun tentativo di trattenermi al Psg .

Infrange leggi e attacca navi militari italiane, e poi mi querela.

Salvini ha anche scritto su Facebook, con riferimento a Rackete, commentando alcune dichiarazioni di personaggi pubblici sul caso della sua nave: "Ma come si fa a paragonare Carola a Gandhi, Nelson Mandela e Martin Luther King?".

Se vuoi essere aggiornato solamente sulle notizie di tuo interesse, è arrivata l'APP che ti invierà solo le notifiche per le notizie di tuo interesse!

Comments