Tornato per dare, non per prendere

Adjust Comment Print

Doloroso, ma al tempo stesso indolore, è stato il suo esilio di un anno al Paris Saint Germain, con il quale ha vinto il titolo francese, l'ottavo scudetto consecutivo (sette di fila con la Juve e uno con il PSG). "L'ho lasciata fortissima, oggi è ancora più forte, questa è la verità". "Son qui per dare, non per togliere. Sono sereno perché so che se dovesse capitare ci sarò". "Ma io sono qui per farmi trovare pronto quando ci sarà bisogno". Mi dispiace che qualcuno lo stia attaccando dicendo che è tornato solo per battere i record di Maldini. Si sarà forse reso conto che nonostante tutto, in Italia si gioca meglio?

Sono arrivati insieme nella lontanissima state del 2001 e, nessuno, all'epoca poteva anche solo lontanamente immaginare che sarebbero diventi i due pilastri della Vecchia Signora. Ha anche affermato di non voler vedere quanti secondi starà in campo, accettando appunto le gerarchie che si sono create nell'anno in cui è stato assente: il titolare tra i pali è Wojciech Szczesny. Un'altra decisione radicale presa da quest'ultimo è il fatto di non voler indossare la numero 1, occupata momentaneamente dal portiere titolare polacco Szczesny. "Il 77, fa parte della mia storia e l'ho avuto a Parma, quando feci una stagione strepitosa". Penso comunque che con Conte e qualche acquisto l'Inter possa diventare una pretendente allo scudetto. Sono stati gentilissimi, ma ho rifiutato.

Palermo Calcio, Covisoc boccia il club: niente serie B
Ci batteremo punto su punto per venirne fuori. Questo il documento redatto dalla Co.Vi.So.C. Niente Serie B per il Palermo .

Cosa ti aspetti da questa annata? . "Mi aspetto di togliermi delle soddisfazioni, come capitato negli ultimi anni. Sono cose di mercato che dovranno essere valutate più avanti", ha detto Petrachi aggiungendo che è stato Manolas "a voler andare via", mentre per quanto riguarda Barella "è un capitolo chiuso".

Comments