"Certificato medico falso": nuova inchiesta sulla morte di Astori

Adjust Comment Print

La Nazione, stamani, riporta di una seconda inchiesta sulla tragica scomparsa di Davide Astori.

Il nuovo fascicolo è stato aperto dal pm della Procura di Firenze Antonino Nastas, lo stesso del filone d'indagine per omicidio colposo.

++ Roma:da impianti Lazio ok ai rifiuti dalla Capitale ++ - Lazio
Per l'assessore "il sistema impiantistico nel Lazio, invece, ha tenuto grazie a un grande senso di responsabilità di tutti e al lavoro di coordinamento svolto dagli uffici regionali".

Assieme a Galanti, ritenuto il "concorrente morale" di questo reato (il 476 del codice penale: falsità materiale commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici) perché quando sarebbe stato 'fabbricato' l'atto, il professore era già in pensione, è indagata una sua ex collaboratrice. Sono lo stesso Galanti e una dottoressa di Careggi la quale è convocata dalla procura per un interrogatorio previsto nei prossimi giorni. Accertamento necessario per attestare la sua idoneità agonistica, ma secondo chi indaga mai realmente effettuato. Contrariamente a quanto sostiene l'accusa, cioè che Astoria sia morto per la mancata diagnosi di una patologia cardiaca che non fu fatta per la carenza appunto di alcuni approfondimenti medici.

Comments