È morta Valentina Cortese, la signora delle scene

Adjust Comment Print

Lei, originaria di Stresa, una carriera partita dal grande successo de La cena delle beffe di Alessandro Blasetti, si spegne oggi, mercoledì 10 luglio, a Milano, all'età di 96 anni. A 25 anni a Hollywood, era l'attrice italiana più conosciuta di Alida Valli e prima di Sophia Loren. Negli anni Quaranta era già una diva sotto contratto con la 20th Century Fox e condivideva le scene con attori del calibro di James Stewart e Spencer Tracy, Ava Gardner e Humphrey Bogart, Rossano Brazzi e Marcello Mastroianni. Vince il Nastro d'argento nel 1955 per il film "Le amiche", diretta da Michelangelo Antonioni.

"Dei tanti ricordi che mi legano alla Cortese - continua -, indimenticabile quello legato alla sua interpretazione nei panni di Ilse ne I giganti della montagna, uno dei suoi maggiori successi in ambito teatrale, un mondo nel quale entrò prepotentemente grazie all'incontro con Giorgio Strehler". Valentina Cortese è stata diva per François Truffaut nel ruolo di Séverine in Effetto notte (1973), per cui è stata candidata agli Oscar come attrice non protagonista. Collaborò a lungo con Giorgio Strehler al "Piccolo" di Milano, con lui ha avuto anche una relazione sentimentale molto importante. Nel '51 aveva sposato l'attore americano Richard Basehart, un legame che durerà poco ma che le lascerà Jackie, il suo unico figlio, morto a 64 anni nel 2015.

La Capitana alla fine ha querelato Salvini: Istiga all'odio contro di me
Quando dovremmo intervenire? Come si può essere così cinici e crudeli pur di fare propaganda politica? . La nave nella notte aveva deciso di fare rotta dalle acque al largo di Lampedusa verso Malta.

Torna alla ribalta negli anni Sessanta alternando film in Italia e negli Stati Uniti: in "La vendetta" è con Ingrid Bergman, in "Giulietta degli Spiriti" a dirigerla c'è Federico Fellini e in Barabba lavora insieme con Anthony Quinn, Silvana Mangano, Vittorio Gassman. A Maurizio Costanzo e al suo storico talk show il merito di averla fatta conoscere in tutta la sua ironia e intelligenza al grande pubblico televisivo.

Comments