Alpinista italiano ferito in Pakistan

Adjust Comment Print

Cimenti ha poi spostato Francesco un centinaio di metri più in basso, su un terreno dove l'elicottero possa operare direttamente.

L'alpinista Francesco Cassardo e il suo compagno di cordata Cala Cimenti sono stati raggiunti da colleghi partiti in mattinata dal campo base del Gasherbrum VII.

Marco riassume così le 24 ore che l'hanno visto protagonista anche di una lunga attesa sul ghiacciaio nella speranza di poter decollare in aiuto di Francesco Cassardo, caduto per circa 500 metri durante la discesa dal Gasherbrum VII, e il suo compagno Cala Cimenti. Prima per questioni burocratiche poi per regioni tecniche legate alla quota a cui si trovano i due alpinisti e per la temperatura dell'aria troppo alta, che non avrebbe quindi garantito sufficiente portanza al mezzo.

A quanto riferisce su Facebook il team che sta seguendo la vicenda "il volo di soccorso ha subito ritardi a causa di alcuni problemi burocratici risolti grazie all'intervento dell'ambasciata italiana in Pakistan, alla famiglia di Francesco e al coordinamento di Da Polenza". Siamo arrivati al limite. E' il testo del messaggio indirizzato al ministro degli Esteri Enzo Moavero Milanesi da Stefano Cassardo, il fratello di Francesco. Ogni minuto perso è una possibilità in meno di salvarsi per lui. Se non si alzerà presto un elicottero morirà. "Chiedo a lei, signor ministro, di fare qualcosa, qualsiasi cosa, per provare a salvarlo".

Milan, che rivoluzione in attacco: via Cutrone e Silva, dentro Correa
Mentre il portoghese è corteggiato dal Monaco e alla fine potrebbe trasferirsi in Ligue 1. Il Milan si sta muovendo per concludere diverse operazioni di mercato.

Francesco Cassardo, medico di Rivoli, come riporta La Repubblica, era arrivato in Pakistan per dare una mano a medici e infermieri di un ambulatorio locale cui doveva insegnare l'uso di un ecografo e a cui aveva portato medicinali difficili da reperire in quel Paese.

Nel frattempo, secondo quanto viene comunicato, si sta muovendo una squadra di soccorso via terra composta dagli alpinisti Denis Urubko e Dan Bowie. "Ho scavato una piazzola - ha scritto Cimenti in un messaggio diffuso su internet - con un muretto per proteggerci dal vento e ho sistemato Francesco per fargli trascorrere la notte riparato".

Dopo la parte umanitaria Cassardo con l'amico Cala Cimenti, alpinista e sciatore estremo piemontese, hanno deciso di tentare l'impresa in sci dalla vetta himalayana.

Comments