Tav: razzi, pietre e incendio contro la polizia, 20 denunciati

Adjust Comment Print

"Nessuna tolleranza per i criminali - aggiunge - mi aspetto condanne inequivocabili da tutti gli schieramenti politici".

In duecento, tutti partecipanti all'annuale "campeggio studentesco", in programma nel presidio permanente di Venaus dal 19 al 24 luglio, ieri sera, dopo essersi concentrati nel campo sportivo di Giaglione, hanno raggiunto in corteo, attraverso il sentiero gallo-romano, la cancellata metallica rinforzata violando l'ordinanza interdittiva del Prefetto di Torino.

Matteo Salvini dice che bisogna accelerare i lavori, ma la verità è che dal febbraio 2017, ossia da quando è stato concluso il tunnel esplorativo, lo scopo del cantiere della Maddalena si è esaurito con il termine dello scavo. Agenti della Digos sul posto sono riusciti a identificare 20 manifestanti violenti che saranno denunciati. "Basta ambiguità: ora controlli a tappeto, arresti e accelerazione dei lavori". Un falò con fiamme alte quattro metri, qualche tentativo di sfondare o danneggiare la grata alternando attrezzi da carpenteria con un tronco d'albero utilizzato a mo' di ariete; infine, mentre il grosso del corteo faceva dietrofront, il lancio di petardi, bombe carta e razzi di segnalazione nautica al di là dell'ostacolo presidiato dalle forze dell'ordine.

Sorteggio Coppa Italia, possibile sfida con la Juventus nei quarti di finale
Fuori casa anche l'eventuale semifinale di ritorno, considerando che tutte le big hanno un numero più basso della Lazio . Alle ore 15.00 negli uffici della Lega Serie A si è svolto il sorteggio del tabellone della Coppa Italia 2019/20 .

Sono in corso indagini anche tramite la visione delle immagini delle telecamere che sono state posizionate e nascoste nell'area. Non è così, afferma Airola, che si conduce la battaglia contro la Tav: "In questo modo non ottengono nulla, non è così che si vince".

A queste probabilmente verranno aggiunte ancora altre quando la Digos avrà identificato gli autori del tiro al bersaglio. Secondo l'avvocato Massimo Bongiovanni, del legal team No Tav, la successione delle ordinanze con cui "da circa otto anni" la Prefettura di Torino limita il diritto di circolazione in Val Susa nella zona del cantiere del Tav è "incostituzionale". Di un vicepremier in "evidente stato confusionale" parla invece il deputato Pd Davide Gariglio: "Per la prima nella storia della Repubblica, il ministro dell'Interno invece di intervenire concretamente per arrestare i delinquenti continua a fare dichiarazioni senza senso, dimostrando di essere totalmente incapace di far rispettare l'ordine pubblico".

Comments