È morto l'attore Raffaele Pisu. Aveva 94 anni

Adjust Comment Print

I figli Antonio Pisu e Paolo Rossi Pisu esprimono il proprio dolore per la scomparsa del padre - un grande maestro e talento immenso - e annunciano che la salma verrà portata a Imola, dove si terrà un ultimo saluto a Raffaele.

E' morto a Castel San Pietro Terme (Bologna), a 94 anni, Raffaele Pisu, nome d'arte di Guerrino Pisu, attore, comico, conduttore televisivo e conduttore radiofonico: da tempo era ricoverato nell'hospice di Castel San Pietro Terme per una malattia. Nato sotto le Due Torri il 24 maggio del 1925, è stato uno dei più popolari comici, decani del mondo del doppiaggio nostrano e conduttori radiofonici e televisivi nell'Italia dell'immediato Dopoguerra, nell'epoca del boom televisivo, partecipando a trasmissioni di grande successo nazionale degli Anni Sessanta come L'amico del giaguaro, Ma che domenica amici e Senza rete. La sua carriera inizia con la radio, in cui subito emerge il suo lato comico. Dopo il conflitto è arrivata la decisione di dedicarsi al teatro comico grazie all'influenza di Memo Benassi.

Il carabiniere ucciso a Roma, i punti oscuri della vicenda
Il pusher ha chiamato il suo numero di cellulare che era stipato in borsa e si è messo d'accordo con i due americani per la restituzione.

Un triste giorno per lo spettacolo italiano. Il bolognese giunse quindi a Radio Roma ed entrò nella Compagnia del teatro comico musicale della Rai. In radio, dove stava diventando sempre più celebre, il bolognese ha cominciato a interpretare anche alcune caricature dei personaggi allora in voga nei varietà.

Pisu in televisione è apparso insieme a Gino Bramieri e Marisa Del Frate nei '"filmati' de 'L'amico del giaguaro' del 1961 ma aveva già recitato in commedie brillanti all'italiana degli anni cinquanta, partecipato al varietà di'Metz e Marchesi 'Lui, lei e gli altri' del 1956 e al teleromanzo-musical 'Valentina' del 1958". Tre anni dopo, nel 1968, all'interno del programma "Ma che domenica amici", l'artista ha lanciato quello che diventerà una mascotte in alcuni varietà: il personaggio del burattino Provolino. Il successivo decennio, invece, Pisu si è dedicato alle fiction televisive prendendo parte a serie come "Non ho l'eta", "Una vita in regalo" e "Don Matteo 6". Durante le ultime fasi della sua carriera, Pisu ha calcato le scene con "Delitto perfetto" di Frederick Knott per la regia di Geppy Gleijeses e la commedia "Se devi dire una bugia dilla ancora più grossa" per la regia di Gianluca Guidi.

Comments