F1 - GP Ungheria - Hammer time Hamilton. Verstappen è battuto

Adjust Comment Print

Una vittoria cercata, inseguita, voluta e raggiunta come solo i grandi campioni sanno fare: Lewis Hamilton, con il successo in Ungheria, dimostra di essere ancora il più forte in Formula 1, ricacciando indietro l'avanzata dei giovani terribili come Verstappen e Leclerc, e mette una seria ipoteca sul sesto mondiale della sua carriera volanda a +62 dal primo degli inseguitori, quel Valtteri Bottas che dopo le prime due gare si è piano piano sgretolato così come l'illusione che fosse l'anno giusto per veder trionfare un volto nuovo. E così, tra le bellezze di Buda e di Pest, dove la storia millenaria delle grandi capitali danubiane si sposa con la modernità di un paese che sta bruciando le tappe per tornare all'antico splendore sopito da mezzo secolo di oppressione comunista nel corso del novecento, i vecchi leoni sono tornati a ruggire. Ottava la Mercedes di Bottas davanti all'altra McLaren di Norris.

Mancavano poco più di venti giri al traguardo, quando Hamilton si accingeva per la seconda volta ad avvicinarsi alla Red Bull di Verstappen per tentarne nuovamente il sorpasso e portarsi così al comando del GP di Ungheria di Formula 1, quando dal box Mercedes, inaspettatamente richiamo Hamilton per effettuare un nuovo cambio gomme. Chiude la top ten il pilota thailandese Albon su Toro Rosso. Ho cercato di risparmiarli prima per avere poi un'occasione alla fine. Dietro Bottas inizia la sua rimonta ma si arena dietro a un Daniel Ricciardo mai domo nonostante la frustrazione per la situazione Renault. Il finlandese perde completamente il controllo, soprattutto mentale, della situazione e finisce anche per danneggiare l'ala anteriore, danno che lo obbliga a rientrare ai box dopo essere sprofondato nelle retrovie. "Quando siamo passati alle gomme dure, con il traffico, non riuscivo più a tenere le mie traiettorie normali nelle ultime curve, quindi lui ha recuperato e ha tentato un paio di volte di superarmi". Non sapevo se potevo riprendere quei 19 secondi, il team mi ha chiesto di spingere.

Autostrade, sciopero dei casellanti: tutti i dettagli, come provare a salvarsi
Il weekend peggiore dell'anno sulle autostrade: il grande esodo accompagnato, domenica e lunedì, dallo sciopero dei casellanti. Colonne di automobili e traffico in aumento nel corso del primo week end di agosto .

"Sono contento di prendere questo contentino ma e' chiaro che non avevamo il passo per tutto il weekend: i ragazzi dovranno lavorare tanto, bisogna ricaricare le batterie e continuare a battagliare".

Comments