La gaffe di Trump: "Dio benedica coloro che sono morti a Toledo"

Adjust Comment Print

Il presidente americano Donald Trump è arrivato con la first lady Melania a Dayton, in Ohio, dove nel weekend, a poche ore dalla sparatoria di El Paso, si è consumata un'altra strage in cui sono rimaste uccise 9 persone. "È fin troppo facile al giorno d'oggi per ragazzi e adolescenti problematici circondarsi di una cultura che incensa la violenza; dobbiamo porre un argine a questo fenomeno e dobbiamo farlo immediatamente".

Dopo aver affermato che l'America deve condannare razzismo, bigottismo e supremazia bianca (per i quali "non c'è spazio in Amrica"), oltre a indicare i pericoli di Internet, il presidente Trump in seguito ha continuato a dire "dobbiamo fermare la glorificazione della violenza nella nostra società". Al momento, però, non ci sono prove che la strage ad El Paso si riferisca precisamente a Call of Duty, come qualcuno affermava. I cambiamenti culturali sono difficili, ma ognuno di noi può scegliere di costruire una cultura che celebri il valore e la dignità di ogni vita umana. Detto questo, dare la colpa all'intrattenimento è irresponsabile. "Quindi, dobbiamo affrontare i problemi reali". Grazie a questo emendamento del 18° secolo, all'epoca giustificato dal fatto che per gli Americani l'unico modo di difendersi dai potenziali invasori (come gli spagnoli o gli inglesi) fosse quello di armare la popolazione fino ai denti, il "possedere un'arma" è infatti un Diritto per tutti i cittadini americani, come riconosciuto anche nel Luglio 2008 dalla Corte Suprema degli Stati Uniti.

Dazi e tasse a valanga: Trump stanga la Cina
Milano ha terminato le contrattazioni con Ftse Italia All-Share a 22.962,64 punti (-2,27%) e Ftse Mib a 21.046,86 punti (-2,41%). Una promessa, quest'ultima, molto cara al presidente, che non vuole perdere il consenso dei "farmer" per la sua rielezione.

Le motivazioni dietro questi avvenimenti sono probabilmente molteplici ma il presidente degli Stati Uniti Donal Trump ritiene di avere la risposta: la colpa è (anche) dei videogame violenti.

Comments