Crisi governo, Di Maio: Salvini pagherà per aver tradito gli italiani

Adjust Comment Print

Anche per questo motivo - oltre che per la grande incertezza di questa fase politica - l'intervista di Renzi ha riacceso le discussioni intorno a quella che i giornali hanno chiamato "coalizione Ursula": un'ipotesi di alleanza parlamentare tra Partito Democratico, Movimento 5 Stelle e Forza Italia - in che forme è tutto da vedere - per permettere la formazione di un nuovo governo dopo l'attuale presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, sarà sfiduciato. Sulla carta, i numeri dovrebbero rassicurare Pd e M5s. Stando a quanto riportato dal sito ansa.it, Di Maio avrebbe dichiarato: "Salvini non ha tradito il movimento o Conte, ma milioni di italiani a cui per 14 mesi aveva detto che non guardava i sondaggi". Una mossa che, se attuata, potrebbe accelerare la crisi inducendo subito il premier alle dimissioni.

E che quindi si sono nuovamente manifestati, sorprendendo un po' tutti con un inaspettato duetto dall'oltretomba: macché voto, per sopravvivere cambiamo no? A ribadirlo è il vicepremier e ministro dell'Interno, Matteo Salvini rispondendo, al termine dell'assemblea del partito, alla domanda se sia intenzionato a ritirare la delegazione della Lega nel governo. Chi ha paura delle elezioni e' perche' evidentemente ha lavorato male e teme di non tornare in Parlamento. Siamo pronti a tutto l'unica cosa che non vogliamo è scaldare le poltrone. Non ci sarebbe nulla da stupirsi, poiché è stato Renzi a sbarrare la porta ai grillini e, guarda caso, è proprio lui ad essere stato chiamato per dare una mano in questo momento così delicato.

Milan, il PSG ci prova ancora per Donnarumma
Le ultime notizie di calciomercato del Milan ruotano intorno alle indiscrezioni su futuro dell'estremo difensore. I possibili candidati sono 3, dall'ipotesi più suggestiva a quella più possibile.

Non è da escludere che la manina che ha rovinato il partito sovranista austriaco sia la stessa che ha messo in circolazione la registrazione che inguaia Savoini e la Lega; una manina intenzionata seriamente a contrastare, piuttosto efficacemente, la deriva sovranista di alcuni partiti europei.

Poi si vedrà, naturalmente.

Comments