Epstein: le guardie si sono addormentate - Ultima Ora

Adjust Comment Print

Il quotidiano americano ha rivelato i primi risultati dell'autopsia sul miliardario Jeffrey Epstein, morto in carcere lo scorso sabato. Il finanziere si è tolto la vita nel Metropolitan Correctional Center di Manhattan, a New York, in cui era detenuto.

Ora sono in molti a tremare perché gli inquirenti stanno riesaminando il "black book" di Epstein, più che una rubrica di contatti una vera e propria lista nera, già pubblicata nel 2015 e rubata dalla casa del finanziere da un dipendente che tentò invano di venderla. Se ritenuto colpevole, avrebbe potuto essere condannato ad un massimo di 45 anni di carcere.

Calciomercato Roma: domani incontro con la Juventus per Rugani e Higuain
E sulla formula - secondo Sportitalia - la quadra è stata trovata: prestito oneroso a 5 milioni, con obbligo di riscatto a 25. L'identikit l'ha tracciato Fonseca: " Non deve essere un difensore lento ma allo stesso tempo deve essere anche esperto ".

Epstein, un finanziere con case opulente, un jet privato e l'accesso ai circoli d'élite, oltre che frequentazioni di alto livello, come Clinton e Trump, era accusato da oltre 10 anni di aver pagato dozzine di ragazze per atti sessuali in Florida. L'accordo per evitare il processo fu gestito dall'allora procuratore Alexander Acosta, costretto - dopo la rivelazione dell'intesa con Epstein - a lasciare il posto di ministro del Lavoro nell'amministrazione Trump. Ma, come abbiamo documentato qui, il patteggiamento fu imposto ad Acosta da una informativa dei servizi di sicurezza che assicurava che Epstein agiva per conto del governo.

Qualche ora prima del ritrovamento del corpo, era stato depositato alla corte federale un dossier che, fra le altre cose, conteneva la deposizione di Virginia Roberts Giuffre, una delle testimoni più importanti dell'inchiesta. Gli investigatori hanno raccolto la testimonianza di una donna che circa 20 anni fa, quando era minorenne, lavorava nel resort come addetta agli spogliatoi. La donna denunciò di essere stata una delle tante "schiave del sesso" costrette ad avere rapporti sessuali con personaggi del calibro del principe Andrea, duca di York, figlio della regina d'Inghilterra. Anche mentre era in custodia, il signor Epstein era autorizzato a lasciare la prigione per 12 ore al giorno, sei giorni alla settimana, per lavorare nel suo ufficio in Florida.

Comments