Nadia Toffa, anche Silvio Berlusconi in lacrime: "Addio, cosa ci hai insegnato"

Adjust Comment Print

Ha provocato commozione anche in Umbria la morte di Nadia Toffa, storica conduttrice inviata delle Iene, dopo una lunga battaglia contro il cancro.

"Nadia ha avuto il coraggio di presentarsi così com'era durante la malattia, senza parrucca o altro".

La notizia della morte di Nadia Toffa, conduttrice della trasmissione Mediaset "Le Iene" sta suscitando emozioni e profondo cordoglio in tutta Italia e anche nel Vicentino.

L'ultimo messaggio sui social risale al 1 luglio, accompagnato da un selfie sorridente in compagnia del suo cagnolino. Affronto le mie difficoltà ogni giorno con il sostegno della mia famiglia e dei miei amici. "Vi bacio tutti, tutti, tutti".

Forte terremoto a Parma, scossa di magnitudo 3.9 avvertita in Emilia
Il sisma ha avuto epicentro nei pressi di Borgo Val di Taro e un ipocentro localizzato ad appena 7 km di profondità . Le indagini sono in corso, al momento però non sono segnalati danni gravi a persone e cose .

Questo il commovente messaggio apparso in mattinata sulla pagina ufficiale Facebook de 'Le Iene': "Hai combattuto a testa alta, col sorriso, con dignità e sfoderando tutta la tua forza, fino all'ultimo, fino a oggi". D'altronde nella vita hai lottato sempre.

Hai lottato anche quando sei arrivata da noi, e forse è per questo che ci hai conquistati da subito. Uno dei post è stato pubblicato nel gruppo "Welcome to Caritas" e riguarda i denti della Toffa; Fabio scrive "Cedo protesi odontoiatrica in ceramica a causa di cessata attività".

Nata a Brescia il 10 giugno 1979, dopo il debutto nell'emittenza locale Nadia Toffa era diventata inviata delle Iene nel 2009, segnalandosi per importanti inchieste sulle truffe ai danni del servizio sanitario nazionale, sulle slot machine, sullo smaltimento del traffico di rifiuti illegali in Campania, sull'Ilva di Taranto (che le ha conferito la cittadinanza onoraria), sull'infanzia violata. Toffa ha raccontato la sua dura battaglia contro il cancro sui social e in un libro dal titolo Fiorire d'inverno.

"Non bisogna vergognarsi di guardarlo in faccia e chiamarlo per nome il bastardo, - dicevi - che magari si spaventa un po' se lo guardi fisso negli occhi". Ed ecco le Iene che piangono la loro dolce guerriera, inermi davanti a tutto il dolore e alla consapevolezza che solo il tuo sorriso, Nadia, potrebbe consolarci, solo la tua energia e la tua forza potrebbero farci tornare ad essere quelli di sempre. Toffa era in città per lavoro quando, verso le 14 di sabato 2 dicembre, si è sentita male e ha perso conoscenza. Immediata la chiamata al Nue112 del personale dell'hotel. Sul posto sono giunti i sanitari del 118 che le hanno prestato i primi soccorsi. Il primo bollettino medico diramato dall'AsuiTs parlava di prognosi riservata per patologia cerebrale in fase di definizione, il secondo, diffuso in tarda serata, aveva confermato l'avvenuto trasferimento, e definito le condizioni di Nadia "stazionarie" ma gravi.

Comments