Fabio: sono figlio di Domenico Modugno

Adjust Comment Print

L'attore 57enne, raggiunto dall'Ansa, ha commentato con soddisfazione la sentenza: "Ho dovuto fare una battaglia per poter affermare chi era mio padre".

Una lotta lunga 18 anni e ora a decidere la fine della disputa è la Cassazione: Fabio Camilli è il figlio legittimo di Domenico Modugno. Da allora, da quando Camilli è venuto a conoscenza della verità su chi fosse suo padre, è iniziato un lungo iter legale, anzi una vera e propria battaglia durata 12 anni tra lui e i figli "ufficiali" di Modugno, che a tutti gli effetti sono fratelli di Fabio, e che non volevano che gli venisse riconosciuto lo status di figlio. I risultati dei test del dna lo confermano: Fabio è il figlio di Modugno.

Real Madrid, Zidane perentorio su Bale: "Resterà qui"
Il suo destino sembrava segnato, inevitabilmente lontano da Madrid dopo un'estate da separato in casa con il Real. Prima della partita abbiamo parlato, tutti quelli che abbiamo pensano solo a questa stagione.

Il procedimento di riconoscimento della paternità "in media dura quattro o cinque anni anni", ha detto ancora Camilli, "ma per me si è trasformato in un percorso a ostacoli". Camilli ha inoltre ringraziato in primis l'amico e avvocato Gianfranco Dosi. Comunque ce l'ho fatta, è finita. È stato un percorso lungo e tortuoso, ma finalmente la I sezione civile della Corte Suprema di Cassazione ha espresso il verdetto finale. "Sono molte le persone che dovrò ringraziare per essermi state vicine in questi anni".

La vicenda legale aveva già trovato un punto di svolta alcuni anni fa, in seguito a una sentenza del Tribunale di Roma che di fatto riconosceva già Camilli come erede di Domenico Modugno. Un riconoscimento che arriva pochi giorni dopo il venticinquesimo anniversario della morte del grande cantautore di Polignano a Mare (morto il 6 agosto del 1994). Fabio è figlio della ballerina, coreografa e regista triestina Maurizia Cali, omaggiata da Modugno nel celebre brano 'Pasqualino Maragià' come la "bellissima Kalì".

Comments