Crisi di governo, Renzi risponde alle accuse di Salvini

Adjust Comment Print

In data 20 agosto 2019 mi sono visto tutti gli interventi in Parlamento a parte quello del superfluo Aldo Grasso (neanche a farlo apposta, mi stavo facendo la doccia.) e quindi, mi adopererò per "sfrondare le apparenze", per rivelare anche ai meno maliziosi gli stratagemmi generali messi in atto nella battaglia tra le forze in campo. Ed è plastico, in queste ore, l'endorsement del Movimento al premier. Hanno aperto una crisi in spiaggia e ora Salvini è disperato", afferma il vicepremier ai gruppi non anticipando nulla dei possibili passi da fare da domani in poi, con un'ipotesi che al momento non si può escludere anche se è remota: "che M5S e Lega tornino ad una nuova alleanza. Conte riallaccerà, davanti ai senatori e allo stesso Salvini, i fili di una crisi che è stato il leader della Lega a innescare.

Il post Di Maio quindi non sarà "barricadero" alla Di Battista ma avrà l'immagine e somiglianza, tanto per allinearmi "al sacro", di Giuseppe Conte. A coronamento di questo siparietto, trascinato dalla scia del Presidente del Consiglio pentastellato, perfino il leghista Giancarlo Giorgetti si è prodigato in uno spontaneo plauso. Lo ha detto Matteo Renzi, senatore del Pd, parlando con i cronisti in Transatlantico al Senato. "Dal mio punto di vista non c'e' alcuna disponibilita' del sottoscritto a far parte di questo governo". È toccato a Matteo Renzi prendere la parola: "Sarebbe facile assistere allo spettacolo sorridendo ma la situazione impone un surplus di responsabilità".

L'idea di Renzi, rivolta ai giovani under 30 per una formazione che serva a combattere populismo e cialtroneria più volte attribuite al governo Di Maio-Salvini, è molto piaciuta. Diversi potrebbero essere i riferimenti alla responsabilità dell'Italia sui conti pubblici (con la manovra attesa in autunno) e a un rapporto con l'Europa sul quale il capo del governo si è costruito una sua autonomia divergendo, spesso e volentieri, dalla linea salviniana sia sull'economia che sull'immigrazione. Ovviamente per collocazione politica il fiorentino ha espresso considerazioni filo ONG mentre Mallegni ha fatto l'opposto, il tutto condito di qualche battuta gradevole, vista la provenienza territoriale dei due!

Calciomercato Inter, Wanda Nara: "Icardi non va al Monaco"
Uno scambio ch converrebbe sia al Napoli che all'Inter in questo momento, e il tecnico nerazzurro lo sa molto bene. La moglie-agente dell'attaccante argentino nega che la trattativa col Monaco sia in fase avanzata.

Voglio concludere la disamina però con un plauso a Ignazio La Russa, vecchio leone e da una posizione politica, la mia, non certo a lui vicina.

In tutta questa orgia di strategie comunicative egli ha risposto con una disarmante semplicità ed incisività mettendo in piazza la patata bollente che Conte, nel suo discorso, era riuscito ad occultare. Un soccorso nemmeno troppo velato a Salvini che ci lascerà con due curiosità: è questa l'anticamera del futuro blocco populista? "Non si sa cosa sia successo tra un mojito e l'altro".

Comments