Icardi criptico: "Sì ad una nuova avventura". Ma non risponde al Napoli

Adjust Comment Print

L'argentino sarà infatti reintegrato in gruppo e non è escluso che possa essere regolarmente convocato per la partita con il Lecce, quella del debutto in questo campionato. Le ultime due situazioni hanno fatto saltare la mosca al naso al presidente De Laurentiis, che ha intravisto una potenziale occasione di mercato. I bianconeri sono i più forti, ma per la prima volta guardando il 'nemico' vedono la propria nemesi.

Per l'argentino sarebbe importante restare a Milano, per motivi prettamente familiari (in particolare gli interessi lavorativi e professionali di Wanda Nara), l'alternativa più gradita sarebbe la Juventus, anche per la vicinanza geografica al capoluogo lombardo.

Crisi di governo, la decisione del Presidente della Repubblica Mattarella
Poi annuncia: "Mi è stata presentata la richiesta di ulteriori verifiche, il presidente non può precludere questa possibilità". Gli altri non si potranno presentare. "La via maestra non possono essere giochini, manovre di palazzo, ma solo le elezioni".

Dopo tanto parlare, oggi ci potrebbe essere una grande svolta nella vicenda Icardi. Il club bianconero sarebbe dunque disposto a presentare la sua offerta per Icardi solo alle sue condizioni, considerate svantaggiose dall'Inter.

Qualora Mauro Icardi, come sembra, non dovesse cambiare squadra fino al termine di questa sessione di campagna acquisti, ecco che allora potrebbero aprirsi nuovi scenari all'interno del suo rapporto con l'Inter: fra questi, anche quello di una causa legale contro il club nerazzurro, che da parte sua si è mostrato fin qui molto attento a non ricevere appigli.

Comments