Renzi: Gentiloni prova a far saltare l’accordo con il MoVimento?

Adjust Comment Print

"E quindi i 5 Stelle hanno detto 'andremo alle 5 da Mattarella a dire, mai con il Pd...' Questo però vede tutti i gruppi M5S che ormai danno per scontato l'accordo col Pd, preoccupati". Gentiloni oggi era al Colle, ma non ha aperto bocca.

Il crinale, infatti, è stretto: sia Zingaretti che Di Maio mantengono estrema prudenza in ogni dichiarazione e il sospetto che nessuno dei due sia convinto della mossa giallorossa agita i pontieri di entrambi gli schieramenti.

Renzi e l'audio alla sua scuola politica: "Paolo Gentiloni sta provando a far saltare l'accordo tra Pd e M5s, inviando 'spin' ai giornali..."

La parola "infinite", nei rumors in parlamento, viene tradotta come un'offerta mirabolante, di quelle che sarebbe difficilissimo rifiutare: non si parla solo della premiership, che verrebbe affidata al capo politico Luigi Di Maio, ma persino della concessione di ministeri-chiave, come ad esempio quello dell'Economia, a esponenti del Movimento. Verificare le condizioni e se non ci sono, voto.

Se il primo giro di Consultazioni è terminato la situazione sembrava essere leggermente più chiara, e mentre il Governo giallorosso va formandosi, a confondere le acque ci pensa un audio di Matteo Renzi.

Ciò che è fondamentale in questo momento è giungere a degli accordi per cercare di formare un governo stabile.

Lorella Cuccarini, il flop di "Grand Tour" che chiuderà in anticipo
Una decisione arrivata dopo i giudizi più volte espressi dalla conduttrice in favore di Matteo Salvini . Oppure la Rai dovrà incassare un'altra sconfitta?

Ma a prescindere dall'inaffidabilità di Renzi, dalle divisioni interne al Movimento Cinque Stelle, da tutti i ragionamenti, dalle distanze siderali sul terreno programmatico, dalle convenienze e dai rischi dell'una e dell'altra parte, il vero punto è che, come ci insegna la storia della Repubblica, soprattutto quella più recente, non è una legge elettorale che può orientare i processi politici, non è con un accordo sulle regole che si possono sciogliere nodi politici ineludibili.

Quello che ha ridotto in povertà 5 milioni di italiani e che ha ingrassato a dismisura poche centinaIa di 'fortunati' della finanza nazionale e internazionale?

Ma davvero qualcuno ha così poco senno da non accorgersi che Renzi sta tendendo una trappola micidiale al M5S? Così come lo è la faccenda dei due forni ventilata dai dirigenti grillini di fronte alla ennesima offerta di ripresa della collaborazione da parte di Matteo Salvini.

Serietà, trasparenza, onestà - si, onestà! Giancarlo Giorgetti ha già detto che il Capitano ha sbagliato i tempi della crisi.

L'ex premier sale in cattedra al Ciocco, il resort di proprietà del capogruppo del Pd al Senato Andrea Marcucci, e per il terzo giorno continua a seguire la crisi di governo dal suo fortino della Garfagnana. Sempre che ci si arrivi.

Comments