Crisi di governo, M5s e Pd cercano intesa per una nuova maggioranza

Adjust Comment Print

Un po' più deciso Luigi Di Maio, che al segretario dem Nicola Zingaretti ha ribadito: "Non c'è alcuna possibilità". Che invece di chiarire i caratteri e i contorni della crisi di governo li ha un po' confusi: sono di fatto partite le trattative tra Cinque Stelle e Pd e in serata sera il faccia a faccia tra Zingaretti e Di Maio. Per quanto riguarda i punti programmatici presentati, siamo disponibili e aperti ad ogni tipo di confronto.

Cosi' il segretario del Pd, Nicola Zingaretti, ad Amatrice per la cerimonia di anniversario del terzo anno del terremoto 2016, anche in veste di presidente della Regione Lazio. Vince se questo Parlamento arriva al dopo Mattarella. "La sede nazionale del Pd è aperta e continueremo a lavorare per cercare di aprire una nuova stagione politica".

Investire nel Forex con meno rischi
Questi tipi di manovre finanziarie sono molto comuni tra uomini e donne d'affari che cercano di moltiplicare i loro soldi. A seconda della tua situazione finanziaria e della tua età, c'è una vasta gamma di opzioni per te.

Infatti, chiosa Bugani nel suo post, anche se "qualcuno ripone le speranze di un nuovo Governo nel Pd di oggi, come al solito il Pd è sempre pronto a deluderle tutte", visto che "ancor prima di iniziare il tavolo di ieri, le almeno 10 correnti, in perenne guerra tra di loro, stavano già litigando". Le due condizioni di Di Maio: Conte bis e subito il taglio dei parlamentari Zingaretti in imbarazzo respinge il nome del premier: "Serve discontinuità".

I pentastellati però tengono il punto: "Reggiamo l'accordo con il Pd solo con Conte presidente del Consiglio" e tengono a ricordare il lavoro fatto da Conte in questi mesi, considerato una risorsa importante della quale non si può fare a meno. Se entro martedì non ci sarà chiarezza sui nomi e su un programma di governo, si andrà al voto. Nel frammentato mosaico pentastellato non manca nemmeno chi guarda alle urne come epilogo più plausibile: "Se il Pd rifiuta davvero Conte per noi è finita e si vota", la posizione di Stefano Buffagni. Agire per abbattere la disoccupazione e mettere più soldi in tasca ai lavoratori. Lo dice in una nota il capogruppo del Partito democratico alla Camera, Graziano Delrio.

Comments