Nave Ong Eleonore, la Trenta stavolta firma divieto di ingresso

Adjust Comment Print

Il divieto di ingresso per la nave Eleonore della ong Lifeline, battente bandiera tedesca, che era stato emanato dal Viminale per volere di Matteo Salvini, è stato controfirmato anche dai ministri della Difesa e dei Trasporti Toninelli e Trenta. A riferirlo sono fonti del Viminale.

Il ministro pentastellato stavolta non si è dunque messo di traverso come invece fatto dodici giorni fa, quando si era rifiutato di controfirmare il divieto di ingresso nelle acque territoriali italiane per la nave Open Arms.

Poi sull'alleanza spezzata dalla Lega, "in termini di valori, per quanto sia distante dalla Lega" - con il cui leader Matteo Salvini si è trovata più volte in conflitto, anche di competenze - "anche con loro", riconosce, "avevamo cominciato a lavorare bene, ma è necessario essere leali".

Temporali in arrivo: domani rovesci sulla Sardegna, ma pioggia anche sul Nord
Durante la giornata la temperatura massima verrà registrata alle ore 16 e sarà di 30°C, la minima di 20°C alle ore 7. Situazione migliore al Nord-Est dove ci sarà più sole, le temperature in lieve calo, massime tra i 26 e i 30 gradi.

Ancora porti chiusi. Nemmeno il governo ai titoli di coda ferma le politiche xenofobe dei gialloneri e Salvini prosegue indisturbato nel suo lavoro. Presidente Giuseppe Conte, mentre parliamo di possibili governi tra un ultimatum e l'altro, potrebbe cortesemente evitare che chi agisce su sua delega continui con politiche disumane? Davide Faraone, del Pd, ha ataccato coinvolgendo anche il premier Giuseppe Conte.

Sulla stessa linea il deputato Pd Matteo Orfini.

Recentemente, Salvini aveva disposto il divieto di ingresso per la nave Open Arms, gestita dall'omonima Ong spagnola, che a Ferragosto si trovava al largo di Lampedusa già da parecchi giorni con centinaia di migranti a bordo tra cui moltissimi minori non accompagnati, senza possibilità di farli sbarcare. "Da informazioni acquisite dal Centro Nazionale di Coordinamento del Soccorso Marittimo (MRCC Roma) risulta che la nave - si legge sempre nel documento del ministero dell'Interni - ha raggiunto il natante (a circa 31 miglia nautiche dalla Libia, 153 da Malta, 176 dalla Tunisia e 144 da Lampedusa) con buona galleggiabilità e ha tratto a bordo 101 persone, richiedendo alle autorità maltesi e italiane l'assegnazione urgente di un Pos - Place of safety". "A proposito di discontinuità".

Comments