Nkoulou, niente scuse al Torino: "La parola data si rispetta"

Adjust Comment Print

Continua a tenere banco in casa granata il caso scoppiato intorno al difensore camerunese, rimasto inutilizzato nelle ultime settimane: Nkoulou, voglioso lasciare il Toro e di raggiungere la Roma nell'ultima sessione di calciomercato, ha detto all'allenatore Walter Mazzarri di non essere nelle condizioni ideali per giocare e la società ha deciso di metterlo fuori squadra. "Per me, un uomo è definito dal rispetto della sua parola - dice ancora Nkoulou - Sfortunatamente, mi sono reso conto che gli impegni sono difficili da mantenere". Il club granata ora potrebbe pensare a una multa per Nkoulou e poi nel futuro seguirà una linea precisa: per ricomporre la situazione, il giocatore dovrà chiedere scusa ai compagni, all'allenatore e alla società stessa.

Per me un uomo si definisce dal rispetto, dalla sua parola. Mi ha detto che c'era stata una promessa da parte dell'ex direttore sportivo di cedere il giocatore, ma a me non era mai stata detta. "Un professionista deve informare il suo datore di lavoro se non è nelle migliori condizioni". Chi scrive era presente e ha la netta sensazione, si badi bene sensazione e non sicurezza, che la vicenda sia tutt'altro che vicina a una soluzione. Ho capito che i miei dirigenti hanno rifiutato la mia partenza quest'estate. "Fedele ai miei principi, torno al lavoro senza che questi eventi mettano a repentaglio né la mia motivazione né la mia professionalità, figuriamoci difendere ardentemente i colori del Torino, perché la sua storia e i suoi tifosi se lo meritano", ha concluso. La controreplica di Cairo non si è fatta attendere, scontato che la presenza del presidente granata alla conferenza di Verdi avrebbe indotto i giornalisti presenti a fargli delle domande in merito.

Uccisa dal gallo mentre raccoglie uova nel pollaio
Lo ha raccontato al quotidiano australiano The Advertiser il dottor Roger Byard , esperto di medicina legale. Ma quella letale sarebbe l'emorragia seguita dai colpi del gallo proprio sulla vena.

Le dichiarazioni di Nkoulou non sono piaciute a Cairo non per nulla ha detto che le cose non si risolvono parlandone sui giornali, ma nelle sedi opportune. Nkoulou è arrivato da noi due anni fa, io non trattai nemmeno la cosa. L'anno seguente il procuratore mi disse che c'era su di lui il Siviglia. Un giocatore, se vuole andare via, può essere accontentato. "Si era parlato di una cessione solo qualora fosse arrivata una offerta adeguata".

Comments