Fabbrica in fiamme, nube su Avellino

Adjust Comment Print

Paura ad Avellino per un'esplosione verificatasi in una fabbrica di batterie d'auto.

L'allarme si è diffuso rapidamente in tutta la città.

A seguito del rogo delle ultime ore che sta interessando un opificio di Pianodardine, Irpiniambiente comunica che le attività dell'impianto Stir sono state sospese, in quanto le maestranze, a partire dalle ore 14:00, sono state invitate a rimanere negli uffici e a non esporsi all'aria aperta.

Pomeriggio 5, Craig Warwick: " Mi rimanevano 4 ore di vita"
Infatti, le condizioni di vita sull'isola honduregna erano troppo complicate da sostenere dopo il suo infortunio alle costole. Oggi 12 settembre è stato ospite da Barbara d'Urso a Pomeriggio 5 , narrando nel dettaglio che cosa gli è accaduto.

Il prefetto di Avellino, Maria Tirone, ha dichiarato lo stato di emergenza dopo la convocazione del Centro coordinamento soccorsi. Gianluca Festa, sindaco di Avellino, ha invitato i cittadini a non uscire di casa e a tenere le finestre chiuse a scopo precauzionale, per difendersi dalla nube che dalla fabbrica ha raggiunto la città. Da verificare se siano andate a fuoco anche sostanze chimiche, altamente tossiche, derivanti dagli acidi che vengono utilizzati per le batterie delle auto. Sul posto continuano ad arrivare altre unità dei Vigili del Fuoco ( sono quasi un centinaio) dai vari distaccamenti provinciali e regionali mentre i carabinieri, coordinati dal comandante provinciale Massimo Cagnazzo, hanno provveduto ad isolare la zona. Tenuto sotto controllo anche un distributore di carburante vicino all'azienda.

Anche il comune di Avellino, come quelli di Montefredane e Atripalda i cui territori insistono sul Nucleo industriale, a titolo precauzionale sta predisponendo una ordinanza a tutela della salute dei cittadini.

Comments