Coca Cola si compra Lurisia per 88 milioni

Adjust Comment Print

A dare l'annuncio è la Coca-Cola Hbc Italia, la controllata italiana del colosso di Atlanta, che parla della sottoscrizione di un accordo preliminare di acquisizione della Acque Minerali srl (la società di Lurisia, appunto). La storica azienda di acque minerali, chinotto, gazzosa e aranciata amara era di proprietà di un fondo di investimento di DeA Capital, gestito anche dalla famiglia Invernizzi, storica proprietaria, e da Eataly.

Per 88 milioni di euro Coca-Cola e le sue lattine si comprano Lurisia, il brand delle bibite 'chic' in vetro. "Come parte della operazione - scrive Coca-Cola Italia -, Piero Bagnasco, attuale Presidente e Amministratore Delegato di Lurisia, e Alessandro Invernizzi, rappresentanti di due degli azionisti venditori, rimarranno nel Consiglio di Amministrazione di Acque Minerali al fine di assicurare continuità di business". Lo stabilimento di Lurisia si aggiunge agli altri 4 di CocaCola in Italia: in Campania, Abruzzo, Basilicata e Veneto, dove ha sede il più grande centro produttivo di Coca-Cola in Europa.

Governo, c'è un accordo segreto tra Renzi, Conte e la Boschi? Clamoroso
Ultime ore a disposizione dei parlamentari dem per decidere se restare nel Pd o passare a Italia viva diMatteo Renzi. L'addio di Matteo Renzi al Pd non è stato certo un colpo di sole come quello di Salvini l'8 agosto.

"L'acquisizione di Lurisia completa l'attuale portfolio beverage di Coca-Cola Hbc in Italia ed è una aggiunta perfetta per la strategia 24/7 Total Beverage Strategy". "L'acquisizione è operata con il supporto di The Coca-Cola Company, in linea con simili operazioni precedenti". Inoltre, supporta la direzione dell'azienda nell'aumentare l'offerta premium della sua gamma e proporre ai consumatori prodotti con una forte tradizione e ben radicate origini italiane.

La notizia del passaggio di Acque Minerali Lurisia alla Coca-Cola ha già portato ad una prima reazione importante. Dopo aver saputo dell'acquisizione, però, la stessa Slow Food ha fatto sapere che, con l'edizione 2019 di Cheese al via nel fine settimana, concluderà la collaborazione con Lurisia. La leggenda racconta che la scoperta dell'acqua la fece, involontariamente, uno delle decine di minatori che, nei primi anni del secolo scorso, lavoravano nella zona di Nivolano (oggi Lurisia). L'azienda è famosa anche per le sue bottiglie di vetro a forma di campana, disegnate dallo studio di architettura e design Sottsass Associati.

Comments