È morto l ex presidente francese Jacques Chirac

Adjust Comment Print

E' morto in Francia l'ex presidente francese Jacques Chirac. Ad annunciarlo, riportano i media francesi, è stato il genero Frédéric Salat-Baroux, marito della figlia Claude. Una delle sue prime azioni da neo presidente fu dichiarare che la Francia sarebbe rientrata nella Nato (era uscita nel 1966, quando il presidente era De Gaulle), ma in diverse occasioni disse che la potenza degli Stati Uniti non lo spaventava.

Chirac è stato uno dei politici più importanti della scena francese degli ultimi decenni: a capo dell'Eliseo, primo ministro, sindaco di Parigi, ministro, è stato attivo in seno all'amministrazione pubblica per più di quarant'anni.

Viveva con la moglie Bernadette, con lui dagli anni Cinquanta conosciuta sui banchi della facoltà di scienze politiche, nella sua casa a Parigi. Chirac era stato colpito da un ictus nel 20o5 e negli ultimi tempi era apparso pochissimo in pubblico.

Milano, madre precipita con la figlia e muore
La madre è deceduta , mentre la figlia è in gravissime condizioni. La chiamata al 118 è arrivata pochi minuti prima delle 15. Informato anche il pm di turno, Maura Ripamonti.

A seguito della notizia, l'Assemblea nazionale francese ha reso omaggio allo scomparso, osservando un minuto di silenzio. I deputati e i membri del governo presenti si sono alzati per rendere omaggio all'ex capo di Stato, prima di sospendere temporaneamente i lavori.

Nel 2002 venne rieletto per un secondo mandato riuscendo a sconfiggere, grazie all'appoggio dei socialisti nel fronte repubblicano, il leader dell'estrema destra, Jean Marie Le Pen, padre di Marine Le Pen. Presidente del Consiglio generale della Corrèze, dal 1970 al 1979, dopo la vittoria di Valéry Giscard d'Estaing, alle elezioni presidenziali del 1974, Chirac è stato eletto primo ministro; poi dimessosi nel 1976 rifondò il partito gollista. Una volta persa l'immunità presidenziale, nel 2011 fu condannato nell'ambito del dossier dei falsi impieghi al Comune di Parigi con le accuse di appropriazione indebita di fondi pubblici, relative al suo periodo alla guida della capitale.

Comments